venerdì 30 giugno 2017

NOI DUE NEL MONDO E NELL'ANIMA .... Armando & Bianca


                                                                                        NOI DUE NEL MONDO E NELL'ANIMA 


OGGI, DOMANI, SEMPRE ... NOI SIAMO NOI... INFINITI NOI  <3


PENSIERINO DELLA SERA - armando carruba



La mente è come un paracadute: funziona solo quando é aperta!


I RAGAZZI DEL MOLO SAN ANTONIO di Armando Carruba

U BAGNU ‘O MOLU
Veni veni…Arturu! E ‘u picciriddu chiamato, si tuffava do’ pileri in quel mare azzurro del porto, scandendo a sua volta il nome di un altro compagno di giochi e così via.
Questo era l’innocente gioco do’ veni veni, niente di particolare sino a quando un ragazzino dimenticava chiamare al tuffo l’amichetto, allora come penitenza riceveva da tutti i partecipanti ‘n abbudduni cché manu e cché peri; cioè a dire ogni compagno di giochi mediante una spinta con le mani sulle spalle del penitente di turno lo mandava sott’acqua e lo spingeva più sotto possibile con i piedi; considerando che quasi sempre prendevano parte al gioco una ventina di ragazzini, ci vuole poco ad immaginare come si doveva sentire al termine di questa penitenza l’abbuddatu di turno.
C’erano i burloni, ne ricordo uno in particolare soprannominato Cicidda che quando notava nuovi partecipanti al gioco, sbagliava apposta e all’abbbudduni del nuovo venuto scompariva sott’acqua per poi andarsi a nascondere dietro una barca.
Comprensibile lo stato d’animo di chi aveva dato l’abbudduni, anche perché gli altri, complici della burla, rincaravano la dose facendo spaventare il più possibile il nuovo partecipante che ansioso fissava lo specchio d’acqua.
Dopo cinque minuti, nuotando sott’acqua, riemergeva Cicidda tra le risate generali e c’era chi credeva che quel ragazzino avesse tanto fiato da poter rimanere sott’acqua ben dieci minuti.
Cicidda passava le sue giornate estive a mare, definirlo un Colapesce anni cinquanta non sarebbe per niente errato, per la sua predisposizione a stare sott’acqua, ad allenarsi a toccare fondali sempre più profondi o perfezionare i suoi tuffi do’ pileri a volo d’angelo.
Gli altri ragazzini prendevano i mazzuni, tipi di pesci lunghi 8 o 10 cm che prediligono i bassi fondali fangosi rintanandosi sotto grosse pietre, e che si nascondevano dentro i copertoni di biciclette che numerosi erano in quello specchio di mare di fronte al Lazzaretto; oppure con un pesciolino legato ad un fil di ferro tentavano di stanare i ranciu pilusi.

Si passavano così le giornate estive al molo S. Antonio, prima del tramonto si tornava a casa, non prima di essersi sciacquati  alla fontanella del porto, evitando in questo modo che una imprevedibile leccata da parte dei genitori sulle braccia, tradisse il bambino che andava a mare senza che nessuno a casa lo sapesse.

giovedì 29 giugno 2017

FUNNUCU NOVU di Armando Carruba

FUNNACU NOVU

Mi piaci, a sira
séntiri
'a vuci ddo' mari,
ca ciciulìa
avanti e arreri,
carizzannu 'a rina .
E' 'a vuci ddo' tempu
ca porta a ribba
storii.
Vulissi a tia
stasira
a Funnucu Novu
pp'ascutari
'u mari
ca parra di 'n amuri
annjiatu,
pirchì nuddu
ci 'nzignò a natari.

Armando Carruba 

FRITTATA CON LE CIPOLLE - armando carruba -

MANGIAR SICILIANO
FRITTATA CON LE CIPOLLE
Ingredienti per 4 persone:
* 6 uova
* 1 grossa cipolla marina (rossa)
* 1 ciuffo di prezzemolo
* 2 cucchiai di mollica di pane raffermo grattuggiato
* olio extra vergine d'oliva
* sale e pepe
Battete le uova con una presa di sale e una spolverata di pepe; poi, incorporate il pan grattato e il prezzemolo tritato.
Scaldate 4 cucchiai d'olio in una padeòòa con 2 cucchiai d'acqua e lasciate appassire dolcemente la cipolla, tagliata ad anelli sottili; quindi, versate il composto preparato e fate rapprendere la frittata da entrambe le parti.

CHI TI CUNTU E CHI TI DICU Armando Carruba

Carissimi amici buon pomeriggio! Che cosa non vi debbo raccontare!!! Staju murennu ddo' cauru, come tuti del resto, allora alzo l'ingegno, perchè modestamente sparlando sono troppo intralligete e che fazzo? no dico che fazzo? Ah lo devo dire io! Vado al frigo e mi pigghiu dda' ghiaccera una buttigghia d'acqua cco' ghiacciu i dintra, mi azzicco davanti al televisore e tra me e me scarto uno dei tanti programmi e film che Mediaset a pagamento mi da... (iddi si pigghiunu 40,50 euri? Ca 'ncuminciaro con 19 euri e semu arrivati a tanto? e io guardo). Dunque: Cauro a setti raricuna, buttigghia cco' ghiaccio... stava cuminciannu un film, ccu chiddu ca ccu quattru coppa di karaté ietta in terra a cu je' gghié macari fussinu centu cristiana o maomettana! Perchè? Titolo SFIDA TRA I GHIACCI tatatataaaa! Cauru ca nun ti dicu e chi stai sintennu, assitatu buttigghia cco' ghiacciu e vidiri tutti 'sti ghiacciai ca unu s'agghiaccia ..Ah che bello u CAURUUUUU ... Questa sensazione è durata picca, pirchì il film accumincia con un incendio favoloso e iddu tra le fiamme e ju a stu puntu SUTTA A DOCCIA .... Buon pomeriggio picciotti 

mercoledì 28 giugno 2017

SEPPIOLINE FRITTE Armando Carruba

SEPPIOLINE FRITTE
Ingredienti per 4 persone:
* 800 gr di seppioline già pulite
* farina
* olio extra vergine d'oliva
* sale

Lavate le seppioline; lasciatele sgocciolare e infarinatele. Trasferitele in un colapasta ed eliminate l'eccesso di farina. Tuffatele, quindi, in abbondante olio caldo e friggetele per 5 minuti, salando a fine cottura.

'A CAMPAGNA di Giovanni Meli - voce Armando Carruba


Poesia di Giovanni Meli per la voce dell'attore Armando Carruba

DUBBIO di Armando Carruba


Versi umoristici siciliani di Armando Carruba

W L'ESTATE

Carissimi amici, ci sunu certi momenti ca tu 'ntà menti rivivi 'u tempu ca fu e ca nun torna cchiù. Ti venunu i desideri, i desii... che devono venirci solo alle donne in stato interessante e a nuautri nenti? Un mio desiderio, che non potrò esauidire (NON RIDETE PREGO) è chiddu di farimi u bagnu a Marina! L'ultimo piacere me lo sono passato due anni fa, ora non solo non è il caso, ma più che altro mi fazzu per un'eventuale mala cumparsa!!! Mi ricordo quannu erumu nichi - 12.. 13 anni - specialmente la sera, mettevumu i 'mmarazzi a postu darrei u pileri, e via a mare... Certi voti cca' bicicletta vineva 'u vigili urbanu, specie unu ca nun fazzu nomu ma che i miei coetani ricorderanno anche e soprattutto per le palle spaccate... Vineva si pigghiava i robbi e dovevamo andarle a prenderle al comando etc etc... Mi ricordo una sera che capitò a quattro di noi e lasciando i vestiti (un paru di causi curti e na maglietta all'unu) a nuoto siamo arrivati o molu, o bilicu e di li a casa cche' mutandini e vi lascio immaginare la storia di Orlando e Rinaldo e tutti i paladini ca scinnevanu e acchianavanu!!! Ma ve l'immaginate la scena adesso? Mi ittassi a mare a Marina e un vigile urbano m'invitasse a nesciri dill'acqua... A parte il fatto che non ce la farei più ad andare a nuoto al molo e poi non ci abito più lì ... ma la mala cumparsa davanti a un vigile urbano ca mi putissi veniri figghiu etc. etc. No meglio ricordare i ricordi, immaginando.... Buona estate ragazzi! (ragazzi? si fa per dire eh?)

martedì 27 giugno 2017

CICIREDDU FRITTO - armando carruba -

MANGIAR SICILIANO
CICIREDDU FRITTO
Ingredienti per 4 persone:
* 800 gr di cicireddu
* olio extra vergine d'oliva
* farina
* sale
Lavate con cura i pesci e lasciateli sgocciolare bene. Passateli nella farina e tuffateli in abbondante olio caldo. Appena saranno dorati, sgocciolateli e poneteli su carta da cucina a perdere l'unto in eccesso. Salateli e serviteli caldi.

GRANO di Oreste Reale - voce di Armando Carruba


DIMMILLU CHI E' di Armando Carruba


'A ME TERRA di Armando Carruba

LA ME' TERRA
La me' terra
è fatta di suli
e 'u so' mari
nun finisci mai.
Havi campi di ciuri
e arvuli granni
ca toccunu 'u celu.
La me' terra
è nu jardinu
ccu li rosi
ca s'annacanu 'o ventu
e canzuni
c'addurmisciunu 'a luna.
La me terra
è 'nta trenu ca parti
chinu 'i spiranza
ppé strati ddò munnu,
è un tummuni 'nto passatu,
un cantu d'amuri
pp'arrusbigghiari
un suli addurmisciutu.
Armando Carruba

lunedì 26 giugno 2017

'U GILATARU di Armando Carruba

'U GILATARU
Quannu vineva 'a 'stati
precisu...
comu 'u 'rrologgiu ddà stazioni, 
spuntava
ddo' pizzu 'i cantunera
'u gilataru...
Citro, turrune, cicculatti !
E i picciriddi
stavunu zitti e muti
aspittannu ddu conu
c'avissi rialatu
'n jocu 'i focu
'i filicità!
Armando Carruba

MANGIAR SICILIANO - Armando Carruba -



MANGIAR SICILIANO
POMODORI AL FORNO
Ingredienti per 4 persone:
- 1 kg di pomodori maturi
- 200 gr di pangrattato
- 2 acciughe sott'olio
- 50 gr di capperi
- 50 gr di caciocavallo grattuggiato
- origano
- olio d'oliva
- sale
- pepe
Abbrustolite il pangrattato in padella, senza olio. Appena sarà dorato conditelo con l'olio, i capperi, il formaggio grattugiato, le acciughe sciolte in poco olio e con il succo di pomodoro che avete ottenuto svuotando i pomodori. Riempite quest'ultimi con il composto e copriteli con il loro stesso cappelletto. Disponeteli in una teglia unta di olio, versate ancora un filo d'olio, con un pizzico d'origano e infornate a calore moderato per circa 45 minuti.

domenica 25 giugno 2017

'A LIGGENDA D''E DU' FRATI di Arturo Messina

LEGGENDA SIRACUSANA
C'è una leggenda sarausana che si tramanda di bocca in bocca, ed è quella degli scogli ddé ddu frati. Il prof. Arturo Messina ne ha tirato fuori questi versi:
‘A LIGGENDA D’’E DU’ FRATI
E’ tantu beddu ’u mari ’i Sarausa!
E’ tantu beddu ma tradimintusu
Comu ‘na rara fimmina attraenti
v’alletta e v’arruvina ‘n tempu ‘n nenti!
Pirciò, nun vi fidati, stati attenti!
Ci su’ du’ scogghi a mari a Sarausa,
vicinu a la cuntrada ‘i Mazzaruna:
“ I scogghi d’’e du’ frati ” su’ chiamati
pi ‘n fattu ca successi pi daveru
a ca cummossi tuttu lu paisi
Lu scogghiu chiù nicuzzu era ‘n carusu
ca ‘n jiornu arruzzulau di la scugghiera:
vicinu, lu fratuzzu granni c’era,
ca appi lu curaggiu ‘i si jittari;
ma l’ unna l’ agghiuttìu e lu fici anniari
Mari, tradimintusu e tristu si’!
Ridi, ma appoi ‘mpazzisci, ma pirchì?
Quanti figghi di matri tu arruvini!
Pari accussì ‘nnuccenti lu matinu,
m’ appoi addiventi tantu peggiu di Cainu
e a cu’ si fida ‘i tia tradisci e nun hai pena!
Ora, ‘n menzu a lu mari, li du’ frati
du’ scogghi su’ d’ allura addivintati:
pari comu si fùssunu abbrazzati,
pi diri a tutta ‘a genti ca l’ amuri
nun sapi sacrifizi né duluri
Ma l’unna c’agghiuttìu li du’ criatura
di ‘ssu dilittu infami ‘un s’ha’ pintutu:
aspetta ca zoccu autru s’ avvicina
‘nta ‘ss’acqua c’ accussì ‘mpruvvisa muta
e ‘n mostru t’ addiventa ‘n tempu ‘n’ura!
Arturo MESSINA

sabato 24 giugno 2017

SICILIANANDO - Armando Carruba -

Minn’acchianassi ‘ncielu si putissi, ccu na scalidda di triccentu passi, nun mi nni curu siddu si rumpissi basta ca ti stringissi e ti vasassi
(Salirei in cielo, se potessi, con una scala di trecento gradini, senza preoccuparmi che potrebbe rompersi, purchè potessi stringerti e baciarti)

MUDDICHI D'AMURI di Armando Carruba

MUDDICHI D'AMURI

'Ntò scuru dda' notti
i pinzeri parranu d'amuri
muti muti.
'I nostri manu
afferrunu 'ntà l'aria
sonni annacati
cco' cori
jornu dopu jornu
e l'arma ridi.
'U ventu cogghi suspiri
e 'u mari ciciulìa
'a nostra storia.
Dumani é nautru jornu
amuri miu!
E 'a vita cuntinua
siminannu
muddichi d'amuri

Armando Carruba

MOLLICHE D'AMORE
Nel buio della notte/ i pensieri parlano d'amore/ zitti zitti./ Le nostre mani/ afferrano nell'aria/ sogni cullati/ col cuore/ giorno dopo giorno/ e l'anima ride./ Il vento raccoglie sospiri/ e il mare racconta sottovoce/ la nostra storia/ Domani é un altro giorno/ amore mio/ E la  vita continua/ seminando/ molliche d'amore.



venerdì 23 giugno 2017

CUCINA SICILIANA - armando carruba .



                                             TONNARA DI SANTA PANAGIA SIRACUSA

TONNO ALL'AGLIATA
Ingredienti - per 4 persone -
* 1 kg di tonno a fette
* 3 spicchi d'aglio
* un mazzetto di menta
* mezzo bicchiere d'aceto
* olio
* sale e pepe
Soffriggere le fettine di tonno nell'olio fino alla doratura, estraetele dalla padella e fate imbiondire nello stesso olio l'aglio a pezzettini e sfumate con l'aceto.
Versate questo condimento sul pesce che sistemerete in un piatto da portata, salate, pepate e guarnite con foglioline di menta.
Servite freddo.

SITI D'AMURI di Armando Carruba


SITI D'AMURI

'U suli caurìa
jornu dopu jornu
'a me' vita
e 'a luna stasira
allucia a tò facciuzza...
'I stiddi lùcianu
'nta 'na notti
comu chista
e ju ascutu a tia
ca parri d'amuri
'o me' cori

Armando Carruba

giovedì 22 giugno 2017

ATTACCAMI di Armando Carruba

Attaccami cc''n filu, 'o ventu
ca joca cco'  cori.
Sparigghia 'i capiddi
niuri comu a notti
e vasami 'na vota sula.
e nautra vota, e nautra vota.
Nun ti nni jiri 'ntè me' riordi
resta cca',  ccu mia
oi e dumani.
Attaccami 'o filu dda tò vita
e fammi sunnari. 

Armando Carruba

MARI di Salvatore Guggino


Un bella poesia del mai dimenticato dott. Salvatore Guggino che ha partecipato alla Rassegna 'A TERRA MIA la voce dell'attore Armando Carruba.

mercoledì 21 giugno 2017

'A FUNTANA 'E PAPIRI di Armando Carruba


Jttavumu pani duru
'e pisci dda' funtana
ccu l'acqua ca vugghieva
di mussa ca circavunu
na muddica ppi natari.
'U picciriddu satava cuntentu
'i palummi abbulavunu
la papira quacquariava,
'nu vecchiu assittatu
vinneva calia e simenza...
e 'u suli rirennu
pittava 'u celu
e salutava 'u jornu

Armando Carruba

SICILIANANDO

C'era 'na signurina ca vuleva fatta 'na scarpina
Comu? Cu lu taccu curtu o cu u curtu taccu?
E s'un m'a fà cu lu taccu curtu o cu lu curtu taccu
c'inchiappu sola, chiatteddi e taccu

martedì 20 giugno 2017

CUNTINTIZZA - armando carruba -

CUNTINTIZZA

'A cuntintizza è 'n nenti,
'n ciusciuni 'i ventu
leggiu e cauru...
ca ti tucculìa 'ntà l'arma,
quannu l'ha persa.
Havi l'occhi dill'amuri
'a carizza 'i 'na notti
c'annaca i to' pinzeri.
Cuntintizza nun si vidi
ma c'è, quannu c'è,
lassannu 'u postu
o' ciatu ill'arma,
ppi cantari cco' cori
'na paggina 'i vita
ca tu m'arrialasti

Armando Carruba

PANI CUNZATU - armando carruba -


PANI CUNZATU
Ppi l'amici siciliani, simenza 'ntò munnu, ppi nun scurdari 'u piaciri di mangiarisi 'u pani cunzatu, eccu 'na ricetta sbriciula sbriciula (poi ognunu è libbiru di mittiricci chiddu ca voli)
Ma non ti scurdari ca... SI VO' MANCIARI FORTI E SANU, MANCIA PANI SI' MA SICILIANU!
'Ngridienti ppi 4 amici:
* 1 kg di pani (e facemu un chilu e mezzu basta ca c'è a paci)
* pumadori maturi e citrigni
* furmaggiu a piaciri
* na para d'acciughi salati
* ogghiu illibbatu ma raccumannu
* sali, rjinu, pipi (o peperoncino)
'U pani a 'ssiri cauru cauru, megghiu si è di granu duru e chiddu 'i casa, Tagghiatilu a mità in sensu orizzuntali, faciti da tutti due i parti cco' cuteddu solchi 'ntà muddica e mittitici ogghiu e sali. Chista è 'a basi ora si ponu mettiri l'autri cosi, secunnu gustu: i pumadori, furmaggiu picurinu, l'acciughi salati, 'u rjinu, 'u pipi etc. Mittiti i ddu mezzi una supra all'autra e scacciatili bonu bonu accussì tuttu l'ogghiu si sciogghi 'ntò pani. Tagghiati a pezzi e... cu c'arriva arriva ah (?)
PANE CONDITO
Per gli amici siciliani sparsi un po' per il mondo, come semenza d'amore, per non dimenticare il piacere di mangiare 'u pani cunzatu (pane condito) ecco una ricetta - ognuno può mettere delle varianti naturalmente.
Si vo' mangiare forti e sanu, mangia pani sì ... ma sicilianu
Ingredienti per 4/5 persone
kg 1 di pane (e facemu un chilu e mezzu vah!), pomodori maturi e sodi, formaggio a piacere, alcune acciughe salate, olio, sale, origano, pepe (o peperoncino).
Occorre procurarsi del buon pane caldo, meglio se di grano duro e casereccio. Tagliarlo a metà nel senso orizzontale, fare su entrambe le parti dei profondi solchi con il coltello e condire con abbondante olio e un po' di sale. Questa è la base alla quale sipossono aggiungere altri ingredienti, secondo il proprio gusto e la propria fantasia: pezzetti di pomodori maturi, di formaggio, di acciughe salate, nonchè origano, pepe o peperoncino. Mettere le due metà l'una sull'altra e schiacciarle forte in modo che l'olio penetri in tutto il pane, poi tagliare a pezzettoni e servire.
Ju ci sugnu sempri ah?

lunedì 19 giugno 2017

SICILIANANDO armando carruba

CU' JOCA CCA' JATTA NESCI 'RATTATU
Chi gioca col gatto esce graffiato

LA JATTA MI TALIA E LU SURCI MI PILIA
Cercare il pelo nell'uovo onde contrariarsi a vicenda, per litigare


SBROGGHILINGUA



Bicchireddu miu benignu
sì di vitru, nun sì di lignu
comu un santu t'aduru
nun ti lassu si nun ti sculu

domenica 18 giugno 2017

CUI NUN E' GILUSU, NUN E' AMANTI di Paolo Catania



Si ricanusci l'amari turmenti,
chi pati cui in amuri stà custanti,
pirchì di lu tò erruri nun ti penti,
e lassa li pinzeri strauganti?
Poichi d'afflitti cori autru nun senti,
chi diri sempri cù suspiri e chianti,
cui n'hà pruuatu amuri, nun sà nenti,
e cui nun è gilusu, nun è manti.

CHI NON E' GELOSO NON E' AMANTE - Se riconosci gli amari tormenti che soffre chi in amore sta costante, perchè del tuo errore non ti penti e lasci ogni pensiero stravagante? Poichè da ogni afflitto tu non senti che dire sempre con sospiri e pianti che chi non prova amore non sa niente, e chi non è geloso non è amante

LUI & LEI in due battute - Armando Carruba -






LUI - Amuri miu, è vero... ca è veru, ca sugnu 'u primu omu ca dormi ccu tia?
LEI - A diri 'u veru... se ti metti a dormiri... è vero!

TIRITERA - popolare -




TIRITERA
E 'ntrì, e 'ntrì, e 'ntrì,
un sanaru e du' tarì;
du' tarì cull'ali janchi,
sceccu e patruni sunu stanchi;
hannu purtatu 'na fica e 'na nuci:
nni facemu 'a ucca duci;
hannu purtatu un paru di corna
raccamati di 'na donna.
'A donna javi setti biddizzi,
ti 'ncatina chi so' trizzi,
ti 'mbriaca senza vinu,
non ci po' patri parrinu.
Patri parrinu dici la missa,
si la senti la batissa.
Matri batissa 'nfurna e sfurna
di chi scura a quannu agghiorna;
poi veni 'u saristanu
e cci resta 'a corda a manu.
Saristanu, saristaneddu,
senza corda è vicchiareddu;
senza corda non sunau
e 'a varba si pilau.
(POPOLARE)

CUNTU SICILIANU

'U JABBU 'CCOGGHI
- 'U jabbu 'ccogghi e 'a jastima no! - diceva un poviru viddanu 'o cunfissuri chi 'u strapazzava pirchì santiava 'o spissu.
- Pi ogni jastina, mastru Lunardu, un patrinnostru e 'na lira 'a ghiesa.
E 'u patri cunfissuri già cuntava i liri ca mastru Lunardu cci avissi purtatu... "Cà 'a jastima cci 'ccogghi, sì!... Autru cchi no!... cci 'ccogghi 'nta sacchetta!::: Videmu quannu torna a cunfissarisi!?...
Ma a duminica seguenti mastru Lunardu nun cumparìu. 'U parrinu chi diceva 'a missa si vutava ppi diri "Dòmini sabiscu" e mastru Lunardu nun cumpareva... "'A jastima 'ccogghi!.." pinsò "cci 'ccogghi a mastru Lunardu ... cu' sa quanti pezzi a lira a lira!..."
E mastru Lunardu nun cumpariu.
"Domini sabiscu" diceva 'o spissu 'u parrinu vutànnusi a taliari... ma visti ca tutti i divoti érunu cchi corna!?...
- Gesù, Gesù... tutti 'sti corna i me' parrucchiani?... Màncunu sulu chiddi di mastru Lunardu!...
"Dòmini sabiscu" si vutava a diri; e sempri corna, corna, corna... "Tutti cchi corna i me' divoti 'sta jurnata?!..."
Quannu ivu ppi nésciri dda' ghiesa, 'u parrinu si 'ntisi 'n testa un gran paru 'i corna (puru iddu!) cchiù longhi di chiddi dde' so' divoti.
"E d'unni avvinni chistu?... d'unni fu?... si dumannava, tuccannusi a frunti... 'a testa i latu a latu.
'Ntò mentri, girava dda' canonica mastru Lunardu e, vidennu 'u parrinu chi si tuccava 'a frunti tuttu cunfunnutu, si vutò e ci dissi:
- Patri parrinu... 'u jabbu 'ccogghi e 'a jastima no!

INSALATA DI POLPO - armando carruba -




'nsalàta di pùrpi (insalata di polipi)

Ingredienti (per 4 persone)
* 2 polipi medio grandi
* olio d'oliva
* succo di 4-5 limoni
* 1 mazzetto di prezzemolo
* sale e pepe



Dopo aver pulito e lavato i polipi immergeteli nell'acqua bollente per 30/40 minuti. Scolateli, tagliateli a pezzettini e conditeli con l'olio d'oliva, il succo di limone, il sale, il pepe ed il prezzemolo tritato finemente.
Servire freddo

SCIOGLILINGUA popolari

'MPADDOCCHIALINGUA
'A signura di Catrocculi mannà a Napuli pi vrocculi
Forsi a Catrocculi nun ci nn'erunu vrocculi?
C''a signura di Catrocculi
mannà a Napuli pi vrocculi?
Si a Catrocculi c'eranu vrocculi
'a signura di Catrocculi
nun mannava a Napuli pi vrocculi.

sabato 17 giugno 2017

SITI D'AMURI di Armando Carruba -



'A luna stasira
nun si voli curcari
splinnennu 'nto celu
taliannu lu mari
parra d'amuri
a ccu voli ascutari
Veni ccu mia
a taliari 'a luna
ca forsi stasira
ni porta furtuna
Veni ccu mia
facciuzza bedda
di 'sta vanedda
a me' luna ssì tu

armando carruba

SETE D'AMORE - La luna questa sera/ non vuole andare a dormire/ splendendo in cielo/ guardando il mare/ parla d'amore/ a chi vuole ascoltare/ Vieni con me/ a guardare la luna/ che forse questa sera/ ci porterà fortuna/ Vieni con me / mio bel visino/ di questo cortile/ tu sei la mia luna.

CANZUNEDDI - popolare -


Me' nanna mi mannò accattari (1) l'ogghiu
ppi strata cci persi lu stuppagghiu
ora ma tagghiu ...ora ma tagghiu
e cciù mettu ppi stuppagghiu.

Mia nonna mi mandò a comprare l'olio
per strada ho perso il tappo di sughero
ora me la taglio, ora me la taglio
e lo uso per tappo di sughero.

SICILIANANDO - Armando Carruba -

Cavaddu chi curri nun pò jiri manciannu
Significa che due cose contemporaneamente non si possono fare

venerdì 16 giugno 2017

E PPI PURTARI 'NSINGULA - anonimo -

E PPI PUTTARI 'NSINGULA )per portarti il particolare)

Questa è 'A PLAYA di Siracusa oggi, negli anni cinquanta era la spiaggia del popolino siracusano (sarà dedicato un post a questo luogo che, bene o male, rappresenta un pezzo di storia siracusana).
Gli ingenui versi, in dialetto "italianizzato" per sembrare più "'struitu" alla bella, sono improntati per risvegliare quei sentimenti amorosi che in lei stanno appassendo.

... E PPI PUTTARI 'NSINGULA
Nun t'arrivoddi quann'erumu zziti
e passiggiàvomo di sotto al balcone,
facèvamo all'amore ammoccione ammocione
di tua mamma e di tuo papà.
...e ppi puttari 'nsingula era una notte di luna
e per nostra fortuna nessuno ci sconzò!
Nun t'arrivoddi dda sera alla Marina
eri vestita d'un dolce soprabbito
avevi una vesta di rosa spràvvido
eri aligante al pari di a me
...e ppi puttari 'nsingula mentre la banna sonava,
la prima littra ti rava ammucciuni ra mamà!
Nun t'arrivoddi quel giorno alla Pilàia
mentre natàvomo lontano lontano,
ti venni a 'ntrasatta, ti presi la mano
e n'affunnammo insemmola con te!
...e ppi puttari 'nsingula mentre ca stavomo natanno
ni stavomo annianno insemmola con te!

giovedì 15 giugno 2017

PENSIERINO DELLA SERA - armando carruba -



A volte basta un attimo per scordare una vita, ma a volte non basta una vita per scordare un attimo . . .

SICILIANANDO

Petra dispizzata, cantunera di muru
Pietra disprezzata (diventa) pietra angolare
Significa di non guardare mai all'apparenze. Una cosa (o una persona) non considerata, può diventare importante.

mercoledì 14 giugno 2017

RICORDI di Armando Carruba

RICORDI

A volte,
ricordo i pazzi incontri...
Noi due, come alberi
d'inverno;
liberi delle nostre foglie
che cadevano...
le mie sulla seggiola
in cucina...
le tue, giacevano a riccio
sul letto.
Ed eravamo noi,
alberi nudi,
più belli del sole,
a danzare l'inno
di quell'amore
che fu nostro e solo nostro.
Guardo un gabbiano
libero in cielo
che disegna un cerchio
nel suo volare...
Come stai amore mio?

Armando Carruba (5 maggio 2015)

      

PINZERI di Armando Carruba

PINZERI

Lu tempu
si zittìu dda' sira
'nto me' cori.
Tutta 'na vita,
passu dopu passu,
pp'accucchiari
muddichi d'amuri.
'N pani granni
fattu 'n casa
'mpastatu ca surura
'i me' patri,
chinu d'amuri, 'i me' matri
e dde' me' soru:
ciauru 'u famigghia.
Lu cori si zittìu dda' sira
comu...
ppi me' frati, me' matri, me' patri.
E sugnu ancora cca'
comu tannu;
quannu tu 'a suruzza
mi dicisti:
Nun chianciri 'o frati,
'n omu nun chianci,
'u duluri è 'nto cori.
Ragiuni avevutu
'u duluri è 'nto cori.
E talìu 'u mari, 'u celu,
li casi vecchi ddo' molu S. Antoniu
sunnannu...
chiddu ca nun c'è cchiù.

Armando Carruba