sabato 23 settembre 2017

PINZERI di Armando Carruba

PINZERI


Nun chiovi cchiù
supra 'u tempu passatu,
ristò a nustalgia
dde' riordi.
'Ntà 'stu celu niuru
s'arruspigghia 'u suli,
e 'i prima matina
'i nostri sonni 'i carusi
abbolunu cche' cumeti
pp'acchiappari 'u suli.
Armando Carruba

venerdì 22 settembre 2017

VARCHI A MARI di Armando Carruba

'I VARCHI A MARI.
Eccu ccà, nautra varca a mari,
china 'i spiranza ppi 'n dumani
luntani dall'odiu, morti e fami
spirannu ddò ventu a sò favuri.
Chiddu ca disianu 'sti cristiani,
'na vita onesta a lu campari
non sanu ca 'n Italia 'sta cosa
è dura e macari cumplicata.
Li pulitici in tilivisioni
tutti tiranu ppò sò cudduruni
"'sta genti 'o paisi nun vulemu
manzinò nuautri chi manciamu?"
E tutti ca c'abbattunu li manu!
"Beni! Bravu! A chisti nun vulenu!"
Arriva 'na nutizia ed è forti
'u mari si pigghiò dudici morti.
La curpa unu all'autru jetta
ccu fogghi 'n manu e lavagnetta
ppi dimustrari ccu la sò natura
ma l'intiressi sò è 'a pultruna!
Vulissi 'u Signuri a 'sta genti
fari finiri guerri sull'istanti
ca 'n pruverbiu ppi sapillu dici
sulu 'o sò paisi s'è filici
Armando Carruba 
LA BARCA A MARE - Ecco qua un'altra barca a mare/ piena di speranza per un domani/lontani dall'odio, morte e fame/ sperando del vento a suo favore./ Quello che desiderano questa gente/ vivere una vita onesta/ non sanno che in Italia questa cosa/ e dura e anche complicata./ I politici in televisione/ tirano dalla loro parte/ "questa gente non la vogliamo al paese"/ sennò noi cosa mangiamo?"/ e tutti battono le mani/ "Bene... bravo.. a questi non li vogliamo!"/Arriva una notizia ed è forte/il mare s'è preso dodici morti/ La colpa ognuno la da all'altro/con dati in mano e lavagnetta/ e dimostrano com'è loro natura/ l'interesse per la loro poltrona/ Volesse il Signore per questa gente/ far terminare le guerre/ c'è un proverbio che dice/ solo al proprio paese si è felici!

'U JADDU D'ORU di Armando Carruba



LU JADDU D’ORU
Lassatimi in paci cari amici
ca leggiri nun vogghiu 'sti minkiati
'a puisia è na cosa seria:
si leggi e 'a menti s'arricria.


Pueti ca si stanu sempri muti

ssu chiddi ca sunu tantu liggiuti
ccu 'nveci ssì vanta cca' sso' vucca
è sceccu ccà tistera ccu c'ammucca!

Unn'è ca vai à tia nicuzza
ccu tuttu 'stu fumu e pruvulazzu
ppi 'ssiri 'ntè pueti ammuntuata
bedda, ancora n'ha fari di strata

Olè zi zà ha vinciutu 'u premiu!
Ma comu accussì? Nun c'è criteriu!
lu jaddu è d'oru l'ovu d'argentu
e l'ignuranza nun trova abbentu.
Armando Carruba

SITI D'AMURI di Armando Carruba

SITI D'AMURI


'Scutari paroli
'ntò scuru dda' notti,
'scutari u cori
ca sciogghi pinzeri
Unni ssì amuri miu
luntanu riordu
di jurnati finuti.
'Na canzuni
carizza pinzeri
e 'ntò sonnu
l'amuri pigghia vita
e riri comu 'na vota
Armando Carruba

NOTTI di Armando Carruba

NOTTI
I stiddi dda' notti
mi cummogghiunu dd' amuri,
e parru 'a luna
ddé disii ddo' jornu
c'arrestunu disii.
I me' sonni giuiusi
addumunu duci pinzeri
e 'a notti si fa jornu.
Vogghiu dòrmiri
pp'arrubbari
'a maschira 'o jornu
Armando Carruba
(5/4/2016)
NOTTE - Le stelle della notte/ mi coprono d'amore/ e parlo con la luna/ dei desideri del giorno/ che rimangono desideri./ I miei sogni gioiosi/ accendono dolci pensieri/ e la notte si fa giorno./ Voglio dormire/ per rubare/ la maschera al giorno.

SITI D'AMURI di Armando Carruba

SITI D'AMURI
Mentri respiru amuri,
tra 'u ciuciuliari ddo' mari
e martiddiari di cori,
si va pittannu
'u celu.
Mentri accarizzu
riordi 'i jurnata
aspettu cuntentu
ca veni ccu mia
Mentri ccu ducizza
ballanu l'unni
'o calari dda' sira
penzu a Tia...
Armando Carruba

GAIPE di Armando Carruba

GAIPE
'Ntà 'stu munnu pazzu
vistutu sempri a festa
gàipe semu...
libbiri
'i vulari 'ntà celi
puliti e sunnari
dda' libertà
cche' i nostri patri
'nni desunu
pp''ssiri omini.
Armando Carruba
GABBIANI - In questo pazzo mondo/ vestito sempre a festa/ gabbiani siamo/ liberi/ di volare in cieli/ puliti e sognare/quella libertà/ che i nostri padri/ ci hanno dato/ per essere uomini.