mercoledì 22 febbraio 2017

PASTA ALL'AGGHIU E OGGHIU armando carruba



PASTA ALL'AGGHIU E OGGHIU

'Ntà nu murtarieddu pistati quattru spicchia d'agghiu, 'na cucchiarata di putrisinu tritatu, nu pipi russu, allungamulu ccu 'nu bicchieri di ògghiu virgini d'aliva. Faciti cociri 800 gr di spaghetti 'ngriddi 'ngriddi e 'ntà 'nu piattu ranni 'i crita, mintiti pasta e sarsa. Arriminati assà, quantu la sarsa si sparti bona bona e sirviti di cursa.


PASTA AGLIO E OLIO

In un mortaio pestate 4 spicchi d’aglio, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, 1 peperoncino rosso, diluendo con 1 bicchiere di olio vergine di oliva. Cuocete al dente 800 gr di spaghetti e, in un grande piatto di ceramica, versatela pasta e la salsa. Mescolate bene in modo che la salsa si distribuisca uniformemente e servite subito


SICILIANANDO - armando carruba -



Lu fissa cu' è? Carnilivari o cu' ci curri appressu?
Lo sciocco chi è? Carnevale o chi gli corre appresso?

Rimprovero con cui si usa riprendere qualcuno che si lamenta di essere stato ingannato o preso in giro.

CUI SPRANZA D'AUTRU LA PIGNATA METTI, N'HAVI PAURA DI LAVARI PIATTI ! di Cervantes (Perrotta)

video
CUI SPRANZA D'AUTRU LA PIGNATA METTI, N'HAVI PAURA DI LAVARI PIATTI

Tu ca la morti d'un parenti aspetti
pri pavari li debiti cuntratti
e fratantu a cui duni e a cui prumetti
e ti pari ca fai li cunti esatti.

Pensicci prima si a cridenza accatti
spirannu di pavariti li detti,
pirchì lu settantunu a cunti fatti
tanti voti si cancia in diciassetti!

Comu a chiddu ca joca a lu trissetti
spirannu 'ntrà lu munti; siddu ammatti,
mancu fa puntu e lu munti rimetti.

Su' pri sti tali li proverbi fatti:
"cui sprànza d'autri la pignata metti
n'havi paura di lavari piatti!"

Cervantes (Perrotta)

CHI A SPERANZA D'ALTRI LA PENTOLA METTE, NON HA PAURA DI LAVARI PIATTI - Tu che la morte di un parente aspetti per pagare i debiti contratti, e frattanto a chi dài e a chi prometti, e ti pare che fai i conti esatti, pensaci dunque che debiti hai fatti sperando di pagare le sommette, perchè il settantuno a conti fatti tante volte si cambia in diciassette. Come colui che giuoca al tressette spera nel monte e poi, di fatti, manco fa il punto ed il monte rimette. Son per costoro i proverbi fatti: "Chi a speranza d'altri la pentola mette, non ha paura di lavare piatti".

SITI D'AMURI di Armando Carruba

video

SITI D'AMURI

Lassai i me' sonni 'i carusu
unni 'u mari canta
canzuni d'amuri
a casi
ca ciaurunu 'i basilicu,
unnu vecchi 'o suli
asciucunu pinzeri
e picciriddi scausi
assicutunu 'a vita 
vaneddi vaneddi.
Lassai i me' sonni 'i carusu
a 'na picciotta
ca ccu l'occhi a la via
'rrireva 'o ventu.

Armando Carruba 

Ho lasciato i miei sogni di ragazzo/ dove il mare canta/ canzoni d'amore/ a case/ che odorono di basilico/ dove vecchi al sole/ asciugono pensieri/ e bambini scalzi/ rincorrono la vita/ vicoli vicoli/ Ho lasciato i miei sogni di ragazzo/ ad una fanciulla/ che guardando la strada/ rideva al vento.

Amore per il quartiere, ricordo dei migliori anni della fanciullezza, i sogni custoditi dal mare che canta canzoni d'amore a case di onesti lavoratori "ca ciaurunu i basilicu" ad anziani con la loro saggezza, ai bambini costretti dalla vita ad affrontare la dura realtà quotidiana "picciriddi scausi..." sino al primo amore...

martedì 21 febbraio 2017

SICILIANANDO - armando carruba -


Ammatula ca' fai lu mussu a funcia, ca' prima si travagghia e poi si mancia.
(Invano fai il broncio, prima si lavora e poi si mangia)

RE DI DINARI di Armando Carruba


RE DI DINARI

Mi fai pena, tu re di dinari
di un puntu cchiù di lu cavaleri
cco' dui ti fa 'a superchiria
a' sira jucannu all'osteria.

Mi fai pena, tu re di dinari
amatu sulamenti ppé tò beni
ca t'ha taliari sempri i spaddi
e di 'stà vita nun avutu nenti.

Mi fai pena, tu re di dinari
tu dicu senza 'nvidia 'ntò cori
nun è ccu li sordi, e chistu si sà
ca si pò accattari 'a ficilità.

Ppi putiri tirari avanti
ci voli 'u surrisu di la genti
l'amuri dintra 'u tò fuculati
'u capisti oh re di li dinari?

Ci voli anticchia 'i fantasia
pp'aviri 'a vita menu amara
li cosi ca tu nun poi aviri
pirchì si sulu re di li dinari.

Armando Carruba

lunedì 20 febbraio 2017

SITI D'AMURI di Armando Carruba


SITI D'AMURI

'U tempu
è comu 'u ciumi,
curri...
curri...
curri...
nun torna cchiù.
Pirchissu
ti vogghiu amari
sempri
pp'arrubbari
tempu 'o tempu

Armando Carruba