venerdì 18 agosto 2017

MANGIAR SICILIANO - Armando Carruba -

PUPPI 'NTA SALSA 'I CHIAPPIRA
'Ngridienti ppi quattru cumpari:
* 1 kg di puppu
* 100 gr di chiàppira salata
* un ciuffu 'i putrusinu
* 'na para 'i limuni
* ogghiu d'aliva
* spezzi a.b.

Lavari e bùgghiri i puppa, poi lassàrili dintra l'acqua da bugghitura pi 'na vintina 'i minuti. cummigghiati.
'Nto tijaneddu méttiri a bùgghiri 'a chiàppira e poi fàrila sculari; tritari finu 'u putrusinu.
Métturi 'ntà 'na tirrina 'na bedda picca d'ogghiu e sucu di limuni, juncìricci 'u putrusinu e bàttiri tuttu assemi, poi 'rriminàricci 'a chiappira.
Tagghiari a pizzudditta i puppa e dopu avìrili 'rriminati assai 'ntò cumpostu priparatu, lassàrili marinari.
Sérviri friddu, dopo quasi du' uri, e cu 'na bona spurvirata di spezzi.
ppi ccu è sciarriatu cco' sicilianu:
per chi è litigato con il siciliano:
POLPI IN SALSA DI CAPPERI
Ingredienti per 4 persone:
* 1 kg di polpi
* 100 gr di capperi salati
* un ciuffo di prezzemolo
* un paio di limoni
* olio d'oliva
* pepe q.b.
Lavare e bollire i polpi, poi lasciarli dentro l'acqua della bollitura per circa venti minuti coperchiati.
In un tegamino mettere a bollire i capperi e poi lasciarli scolare; tritate fine il prezzemolo.
Versare in una terrina un bel pò d'olio e succo di limone, aggiungendovi il prezzemolo e battere tutto assieme, poi mescolarvi i capperi.
Tagliare a pezzetti i polpi e, dopo averli rimestati assai nell'impasto preparato, lasciarli marinare.
Servire freddo, dopo circa due ore, e con una buona spolverata di pepe.

lunedì 14 agosto 2017

CHI TI CUNTU E CHI TI DICU .... Armando Carruba



Che la cosa resta tra nuautri: per ferragosto, se posso dare un consiglio RESTATE A CASA!!! Esperienza amici.. esperienza!!!
Cinque anni fa, la mia signora aveva organizzato un bellissimo ferragosto "che solo noi dobbiamo restare a casa?" "tutti vanno a mare... al ristorante con i piedi sotto il tavolo e noi... sig sig sob sob" e tu chi dici che non facevamo il ferragosto fuori, dopo che se lo fanno anche, se permetti, quelli che non se lo possono permettere, senza offesa?!
Dopo avere messo tutto in macchina (stavolta niente pasta al forno puppette e cutulette etc dovevamo andare al ristorante) io alla guida, mia moglie a lato, i ragazzi dietro siamo partiti con la partenza intelligente che consiste d'anticipare mezz'ora la partenza per non trovare trafico per la strada. Partenza con ciuri ciuri, vitti na crozza e accompagnamento di canzoni napoletani che uscivano dallo ciddì.. e fu dopo core 'ngrato che alla mia signora ci venne il dubbio se fosse stata chiusa la bombola ca puteva scuppiari a casa!!! Per levare l'acqua ddo' scogghiu u picciriddu disse sì chiusa chiusa era! Finito questo dubbio alla mia signora altro dubbio: se fosse stata chiusa la finestra del bagno perchè si sa che i ladri entrano da lì'... e docu la vacanza da tranquilla e spensierata incominciò a quastarisi, mentre u picciriddu ppi mettiri paci - gioia miu do' papà - disse che era chiusa! (e mi scacciò l'occhiu!) Siamo arrivati sulla strada del mare e abbiamo notato che siamo tutti intelligenti, tutti in strada con la strada intasata e quando siamo arrivati a mare non ti conto e non ti dico!!! Nun c'era posto per azziccare l'ombrellone e neanche per stendere l'asciugamano non dico del mare ma manco quello del bidè! A malappena addritta comu i masculini (per l'amica Ester da La Spezia i masculini sono un tipo di pesce). All'una cioè alle 13 tutti al ristorante!!! Comu? ristorante???? a ferragosto??? dda' pasta era colla d'ampicchiare nelle mura... il pesce fresco era finito anche quello che di fresco aveva soltanto la caratteristica di essere uscito dal frigorifero. In sostanza, per farla corta pasta che neanche nelle caserme, e cotolette dure ma dure di carne di bufalo residuo del farwest ma in compenso il conto era come se avessimo mangiato pesce fresco nel giorno di festa!
A questo punto, la ragione avrebbe dovuto far ragionare un ritorno a casa... alla maison... ma quannu mai? alla moglie gli viene la felice idea di andare a trovare degli amici a Fontane Bianche che hanno subaffittato una stanza in una villetta e ci vivono in 12!!! ca mancu i clandestini! Arriviamo alla villetta, presentazioni, sorrisi e all'ultimo dopo tre ore di conversazione alla signora ci viene l'idea di mangiare la pizza! 12 loro e 4 noi = 16 pizze tutte diverse una dall'altra margherita, margherita con funghi, calzone, capricciosa etc etc e bibite idem aranciata, coca cola, birra.... Siamo andati a Cassibile che è possibile andarci in automobile e il pizzaiolo fa le pizze e consegna le bibite... 
Risultato le pizze impicchiamdosi tra di loro non si capì chi era il calzone e chi la margherita da calde arrivarono fredde a contatto con le bibite che immancabilmente arrivarono calde.
Dopo quest'altra pensata, alla mia signora stava venendo un'altra idea ma l'ho fulminata cull'occhie ci siamo messi in colonna per il ritorno... a passo di formica e tutti muti e zitti nella macchina... Arrivati a casa sorpresa!!! e che sorpresa!!! Abbiamo avuto visite! sì dalla finestra aperta del bagno, perchè mentre tutti si divertono c'è una categoria che lavora a svaligiare case... Ma giuro sulla tomba di Arturo che mangiava pane duro ca a mia a mare ppi ferragosto non mi vedrà mai nessuno! Buon ferragosto! Io sto in città

sabato 12 agosto 2017

VECCHIU di Armando Carruba


                                                    GROTTA DEI CORDAI - Siracusa -




VECCHIU

Vecchiu ca talìi 'a vita senza 'nvidia
e camini arreri comu 'u curdaru
arricogghi 'u scantu d''n dumani

Ti riordi picciriddu,
carusu, omu filici e 'nnamuratu
maritu, e oggi sulu.

Ma è 'a vita ca ti pigghia 'a manu
e ti porta luntanu
nun ssì sulu

Riordi, passiuni, duluri, amuri
pinzeri dde' to' jorna
e ppi tutti 'a vita cuntinua

'U celu, 'u nostru celu azzurru
ca da' lustru 'a matinata
pigghialu e mettilu 'n sacchetta

Campa tranquillu vecchiu.

Armando Carruba 

'U CAFFITTERI Armando Carruba


MISTERI 'I 'NA VOTA

'U CAFITTERI

'Sta fiura 'a prima vota 'ncutrai quannu misu 'ntò cast dei NAVARRA di Vanni Pucci, prima ca si rapeva 'u sipariu si sinteva 'na vuci "Cafèèè cche' jornu!!!" Era 'u cafitteri, chiddu ca vinneva 'u cafè ppi strata, propriu di prima matina a ddi passanti c'ancuntrava.
Purtava 'ntò vrazzu sinistru un paneri ccu dui o tri tazzi, altrettanti cucchiarini e sigari fatti cche' pampini ddo' cavulu, mentri ccà manu 'n apparecchiu ca faceva da furneddu e caffittera, ca c'era un liquidu scuru 'u cafè consistenti da un infuso di orzu abbrustulitu.
Ccu vuci vascia appena si truvava vicinu a unu, vanniava: Cafitteri! Va pigghiativi 'u cafè!
Certuni, ancora pigghiati ddo' sonnu dumannavunu: 'N sordu 'i cafè!
'U cafitteri 'nta 'na tazzina passata per centinaia di mussa, versava il liquido e l'offriva 'o clienti, ca vivutu ccu piaciri e accattannu macari u sugarru ssi nni jeva tranquillu e soddisfattu.

armando carruba

venerdì 11 agosto 2017

CHI TI CUNTU E CHI TI DICU - Armando Carruba -

Carissimi amici miei, che cosa non vi debbo raccontare!!! Ieri sera, con la nasca all'aria per tutta la serata, non solo non ho visto mancu un briciola di stella cadere... ma per giunta, ho visto solo un cielo senza stelle botta di sale botta! E' possibile mia cara Annibale vedere un cielo senza stelle proprio la serata di S Lorenzo? ... Ho visto di sera le STELLE DI MEZZUJORNU avendo sbattuto il mignolo del piede in un comodino che comodamente si era messo in mezzo il mio percorso! Ho viste le vostre stelle, no le 5 stelle che sono tutt'altra cosa, le stelle intese i vostri desideri le vostre speranze... speranze... Ma dico, non lo sapete che chi di speranza campa disperato muore? Finiamola con i desideri e speranza che poi inesorabilmente qualcuno spazza via ... olio di gomiti e diamoci una mossa... Io mi votu e mi rivotu suspirannu 'ntò letto che caldo ragazzi bona jurnata ...

Aufridersenne ja?

MATA E GRIFONE Armando Carruba

MATA E GRIFONE
A Missina 'ntà 'sti jorna viditi circulari ppe' strati 'sti ddu giganti a cavaddu, sunu Mata e Grifone.
Duviti sapiri a Missina viveva 'na bedda picciotta c'aveva abbrazzatu 'a Fidi Cristiana, figghia dò re Cosimu II da Castellucciu. 'U so' nomi Marta ca 'ntò nostru dialettu si dici Matta o Mata. Versu 'u 970 d.C. 'u giganti niuru Hassan Ibn-Hammar, sbarcò a Missina cca so' ciurma 'i pirati e 'ncuminciò a distruggiri 'nté terri unni passava. 'N jornu 'stu niuru alluzzò 'sta bedda picciotta e perdi i sintimenti, 'a dumanna ppi mugghieri ma havi ppi risposta 'na negativa. A 'stu puntu 'u pirata s''ncazzò e cuminciò a ammazzari e rubbari chiussai di prima. 'U patri e a matri di Mata, scantati di 'sta cosa, ammucciarunu a picciotta, ma 'u sdisonestu niuru riniscìu a pigghiarasilla cca spiranza 'i cunvincilla a maritallu. Mata, nun nni vuleva sapiri, truvannu 'ntà prijera 'a forza 'i suppurtari 'stu niuru accupusu.
Iddu ppi dimustrari 'u so' amuri si fa cristianu e Mata cunvinta su marita.
Ppi sapillu: A tradizioni voli ca foru iddi a fundari Missina e ogni anno all'avvicinarisi ddo' chinnici austu nesciunu ppe' strati i Missina...

giovedì 10 agosto 2017

(10 AUSTU) LACRIMI DI CELU di Orazio Minnella

(10 AUSTU) LACRIMI DI CELU
Stanotti chianci lacrimi lu celu !
‘Na pitruliata di stiddi ‘nfucati
sputtusa a la ‘ntrasatta ‘n niuru velu
tracciannu ddà ‘nta l’aria li so’ strati.
Stanotti è chidda giusta pi lu zelu,
pi chiddi ca ci restunu alluciati
cuvannu ‘n disidderiu, e su’ rivelu
di l’armi e di li cori ‘nnamurati,
ma ‘nta ‘sta siritina di caluri,
pi cu’ è ca campa e soffri ‘ntra li stenti,
‘ddi stiddi nta lu celu su’ duluri,
su’ lacrimi chianciuti apertamenti
dintra lu scuru fittu senza curi
di cu’ arristau sulu e senza nenti.
Orazio Minnella
_______________________________
(10 Agosto) LACRIME DI CIELO
Stanotte piange lacrime il cielo !/Una gragnola di stelle infuocate/perfora all’improvviso un nero velo/tracciando la nell’aria le sue strade./Stanotte è quella giusta per lo zelo,/
Per quelli che rimangono abbagliati/covando un desiderio,e sono rivelazioni/ di anima e di cuori innamorati,/ma in questa sera di tanto calore,/per chi vive soffrendo fra gli stenti,/quelle stelle la in cielo son dolori,/son lacrime versate apertamente/la dentro il buio fitto senza cure/di chi è rimasto solo e senza niente.