lunedì 29 agosto 2016

MARE SICILIANO A TAVOLA di Armando Carruba




SARDE A BECCAFICO AL SUGO

Ingredienti per 4 persone:
* 1 kg di sarde
* 150 gr di pangrattato
* 50 gr di pecorino grattuggiato
* 1 cucchiaio di capperi
* 5 dl di salsa di pomodoro
* 2 spicchi d'aglio
* 1 mazzetto di prezzemolo
* 3 uova
* farina
* olio extravergine d'oliva
* sale e pepe

Squamate le sarde, apritele a libro e eliminate tutte le spine; poi, lavatele con cura e cospargetele di sale.
Amalgamate il pangrattato con il pecorino; aggiungete un trito d'aglio, capperi e prezzemolo, una presa di sale e una spolverata di pepe. Completate con un uovo sbattuto e lavorate il composto fino a renderlo omogeneo; poi, distribuitelo sulla parte interna di metà delle sarde.
Coprite con i pesci rimasti e praticate una leggera pressione in modo da far aderire le sarde alla farcia. Infarinatele; intingetele nelle uova sbattute e friggetele in abbondante olio caldo.
Quando saranno dorate, sgocciolatele e immergetele nel sugo a bollore.
Proseguite la cottura per una decina di minuti e servite.

DIFFIRENZA SUCIALI di Rocco Vacca


Oggi pomeriggio mi sono trovato tra le mani un libro di poesie (ne prendo sempre uno a caso in libreria) e sono rimasto colpito da questi meravigliosi versi di Rocco Vacca. A proposito, quando lavoravo in fabbrica, ogni mese le tre organizzazioni sindacali CISL, UIL e CGIL distribuivano il loro giornale. In quello della CISL  sovente si trovava una poesia in vernacolo firmata Rocco Vacca. Ho per anni creduto che fosse uno pseudonimo ed invece è il nome e cognome di un noto sindacalista di Gela della CISL nonchè bravo poeta. 
Questa poesia descrive l'incontro tra due amici d'infanzia, uno che sale e l'altro che scende (uno in malura e l'altro che si è relalizzato) e.... e, nun è megghiu ca jemu a puisia?

DIFFIRENZA SUCIALI

Nun ti putisti mettiri di latu
quannu scinnennu i scali mi ncuntrasti.
Calasti l'occhi e ju, tuttu ffruntatu,
ti salutaiu e tu, mi salutasti.

Chi stranu, quannu ntisi la to vuci,
(fu vint'ott'anni fa l'ultima vota),
mi ntisi rivigghiari di ddu luci
chi bruscia intra e fora nuddu u nota.

Scinnisti e ju cchianava. Ddu mumentu
scurreru l'anni di la carusanza;
ju ti rivitti chè capiddi o ventu

tutta pristanti da to picciuttanza.
Cchi fu chi ni spartìu... fu qualchi eventu
o tra di niatri c'era assai distanza?

Rocco Vacca

MADONNA DELLE LACRIME DI SIRACUSA di Armando Carruba




MADUNNUZZA CA CHIANCISTI A SARAUSA
Era u' 1953 quannu ha chianciutu a Madunnina; un quatru di jissu accattatu o' rittifilu (Corso Umberto I) ppi 3.500 liri 'ntò signor Floresta, ppi 'ssiri 'rrialatu a Angilu Iannusu e Nina Giustu ca si spusavanu o' Pantheon 'u 21 marzu 1953.
La sira ddo' 28 austu, Angilu e Antunina ssi nni jeru a vidiri un film all'Arena Progresso, ca si truvava vicinu casa quasi attagghiu 'o passaggiu a liveddu da via Bonriposo (via Piave).
Turnati a casa dopu c'avianu manciatu un muzzicuni si nni jeru a curcari.
Versu i tri di notti, Antunina si 'ntisi mali, era sabbatu, Angilu ssi nn'hav'agghiri 'a puzzu 'ngigneri (Piazzale Marconi) ppi putiri travagghiari; a so' casa lassa a so' cugnata ppi farici cumpagnia a mugghieri ca già si sinteva mali.
U restu è cosa saputa! tanti omini... tanti personaggi abballanu 'nta storia da Madonnina: da patri Brunu parrucu ddo' Pantheon, all'arciviscuvu Baranzini, dda famigghia Lucca ca metti a disposizioni u villinu di faccia casa Iannusu ppi sicurezza ddo' quatru, 'o tinenti culunellu dde' carrabbineri Lazzaru Panatu responsabili dda' sicurezza ddo' quatru 'ntò tragittu via degli Orti ccu piazza Euripidi, e poi i duttura ca hanu analizzatu 'sti lacrimi: Roberto Bertin analista della Squibb, Mariu Marletta ca era medicu pruvinciali omu religiosissimo e so' mugghieri macari, Francesco Cotzia ca furriava Sarausa Sarausa a cavaddu di 'na motu americana, Leopoldo La Rosa, e u capu dda' commissione medica u dutturi Micheli Cassola, esempiu di omu onestu e positivu!
Era ateo u dutturi Cassola e ateo ristò dopu ca dissi che i lacrimi dda' Madunnina eranu veri.
Eccu, 'sti quattri versi ssu dedicati all'omu Cassola, ca nun haju mai canusciutu, ca 'ntò 1973 ppi Pasqua, vasannu u reliquariu dda Madunnina caci purtò mons. Migliorisi, muriu mentri i campani sunavunu 'a gioia dda' Resurrezioni.
Ascutati ccu voli ascutari
pristatimi anticchia d'attinzioni
a Sarausa successi st'eventu
dda' Madonna vi cuntu lu chiantu
Un quatru di jssu arrialatu
ad Antonina Giustu e maritu
'u Cori Mmaculatu di Maria,
lu vintinovi austu chiancìa.
Ddu jornu propriu di primu matinu
lu Angilu Iannusu si suseva
ca si nun jeva 'a puzzu 'ngignieri
nun truvava nenti 'i travagghiari
cchi ni sapeva 'stu travagghiaturi
zoccu capitava 'a la mugghieri
ca la lassò a casa cché duluri
dopu 'na nuttata di piniari.
Ccu idda c'era Razia la cugnata
e macari la sò zia Sgarlata
quannu taliannu supra di lu lettu
lacrimi scinnianu 'ntà l'asciuttu.
Era la Madunnina ca chianceva
e idda mai mai ci crideva
pirchissu a li ddu donni dumannò
su era veru oppuri sunnò.
Angilu turnannu i travagghiari
dopu 'na jurnata di suduri
quannu fu juntu all'aviazioni
lu firmò un parenti ppi parrari
e ci dissi: "Angilu nun ti scantari
ca na nutizia t'haju a dari
dopu ca ti nni jsti stamatina
lacrimò 'u quatru ddà Madunnina"
Intisi firriarisi 'a mirudda
quannu visti asò casa ddà fudda
ci dumannò lestu 'o brigaderi
di fari sciri fora li cristiani
Intantu la notizia di lu chiantu
fici u giru 'i tuttu u munnu
u Cori Mmacculatu di Maria,
miraculi a genti già facìa!
Lu primu sittembri ddò cinquantatrì
all'unnici i matina martedì
na cummissioni medica valenti
liquido pigghiò ddò quatru chiancenti.
Tra li duttura esaminatori
c'è macari ccu a Diu nun cridi
era l'onestu medicu Cassola
dissi ca veru ccò quatru chianceva
e a ccù ci spiò comu puteva
nun cridiri ma intantu dichiarava
la viritati supra 'stu gran chiantu
iddu rispunnìu 'nta mumentu
Nun è giustu ammatula parrari
lu fausu, ma la virità diri
ju mi trovu 'ntà muru senza porta
cridu sulu all'attu di la scenza.
Lu sabatu santu ddò sittantatrì
fu nu gran jornu e ti dicu pirchì
lu Cassola dopu tantu piniari
l'anima a Diu jeva a dari...
e la sò porta la truvò aperta
ca Diu a tutti pari aspetta
lu dutturi fineva di campari
a Pasqua ccò sonu dde' campani.
Ccu l'aiutu di li devoti tutti
nichi, granni, vecchi e picciriddi
nu Santuariu fu realizzatu
ora è ddà da tutti ammiratu.
La sira è lucenti 'ntò celu
la Madunuzza cu lu beddu velu
ca la fici lu mastru Caldarella
'o scuru brilla cchiù d'una stidda
Pirchì chiancisti Madunnuzza bedda
a via degli Orti 'ntà ddà casudda?
pirchì chiancisti Cori Mmaculatu?
dimmillu lu pirchì hai chianciutu.
Armando Carruba

PINZERI di Armando Carruba

Amici mei chi v'haju a diri
a matina ppi mia è spiciali
macari ca nun c'è ppi nenti suli
basta aviri zuccuru 'ntò cori!

Ca poi scivula 'a tò jurnata
quannu ti fai 'na bedda risata
riordati ca è una 'a vita
'na gioia 'ranni e infinita!

Armando Carruba

sabato 27 agosto 2016

CELU MIU di Armando Carruba



CELU MIU

'N ciusciuni 'i ventu
mi pigghia...
e 'u me' pinzeru
curri a Vui.
Talìu 'u celu
e 'a luna
mi porta luntanu
quannu carusu
abbrazzavu 
me' patri e me' matri.
Vulissi
séntiri d'abbrazzi
'na vuta sula.
Siti sempri 'ntò me' cori
comu 'u stissu sugnu ppi Vui.
Prestu n'abbrazzamu...
Chi filicità 

Armando Carruba (27.8.2016)

STAZZO (ACIREALE) LA SAGRA DEL TONNO BIANCO


Questo evento vuole valorizzare al meglio la borgata marinara di Stazzo e promuovere il pescato locale, la commercializzazione e i processi di conservazione dello stesso. Il tonno bianco, meglio conosciuto come "tonno alalunga" è diffuso nel mar Mediterraneo. Si trova quasi sempre in alto mare ed effettua migrazioni verso il nord nella stagione calda. E' molto simile al tonno rosso, ma la carne è bianca rosea, più magra rispetto a quella del tonno rosso e si può consumare fresca o in conserva sott'olio. Proprio la seconda domenica d'agosto Stazzo si anima anche per la festa del Patrono, San Giovanni Nepomuceno e per i tanti turisti che si godono le spiagge fatte di nere scogliere rocciose e calette tra cui quella dello Stazzo.

mercoledì 24 agosto 2016

TIRRIMOTU di Armando Carruba


Bruttu 'rruspigghiarisi 'i matina
e ascutari 'sta gran malanova
ccò tirrimotu ca ci fu stanotti
ca 'sdirrubbò casi e fici motti

E 'sta nutizia fu 'ntà 'n mumentu
'na vera bumma ppi tuttu 'u munnu
subitu scattò 'a sulidarietà
ca ccu havi 'n cori lu duna ddà

Vulissi Diu ca 'sti puliticanti
senza pulitica jssunu avanti
ora ci vonu fatti e non paroli
ppi purtari rifriscu a 'sti cristiani

Vulissi ancora ca dda' 'sti petri
ci nascissuru tanti beddi ciuri
'a spiranza ultima a muriri
fozza picciotti cca' ricostruzioni!

Armando Carruba (24/8/2016)