venerdì 19 gennaio 2018

INDOVINELLO SICILIANO

INDOVINELLO
(con soluzione)
Partu cu lu scuru e cu lu scuru vegnu
e cu lu scuru fazzu 'na jurnata
Parto con il buio e con il buio vengo
e con il buio compio un giorno
(luna)

sabato 13 gennaio 2018

SICILIANANDO - Armando Carruba -



SICILIANANDO
Zu' Pè, zu' Pè, zu' Pè: fineru i pira e finìu 'u zu' Pè!
Zio Peppe, zio Peppe, zio Peppe: finirono le pere e finì lo zio Peppe!
(finchè c'è da scroccare, c'è anche parentela, quando non c'è più niente, anche i parenti si dissolvono)

giovedì 11 gennaio 2018

CARTOLINE SIRACUSANE - Armando Carruba -

DIETRO LE POSTE
I giorni di festa vanno sulle ruote, la giostra li porta e li riporta via! Questi versi di una vecchia poesia sottolineano, qualora ce ne fosse bisogno, l’importanza c’avevano le giostre sino ad una quarantina d’anni fa.
In Borgata erano a piazza S. Lucia; in Ortigia il loro posto tradizionale dietro le Poste, e qualche volta alla Marina.
Dietro le Poste le giostre venivano spesso con i loro autoscontri, con le gabbie che giravano a forza di braccia, con quella gretta che manovrata sapientemente riusciva a pescare un pacchetto di sigarette da dieci, oppure una penna a biro, un cioccolatino o soltanto chicchi di granturco!
Ma tra specchi deformanti, tiri a segno, percorsi del terrore e altre attrattive, il divertimento per i piccini degli anni cinquanta erano le giostrine con i cavalli.
Così il poeta spagnolo Federico Garcia Lorca nella sua poesia Giostra: La giostra gira appesa ad una stella/tulipano delle cinque parti della terra/Sopra cavallini mascherati da pantere/i bimbi mangiano la luna/quasi fosse una ciliegia.
Quei cavallini dei sogni sono stati sostituiti prima dalle automobiline, in seguito da bolidi, aerei, navi spaziali, missili in plastica e vetroresina, tutti simboli dei nostri giorni, frutto della tecnologia più avanzata, di quella tecnica che ha soppiantato il cavallo.
C’erano anche i circhi equestri dietro le Poste; di questi ricordiamo Zappalà ed il suo teatro tenda con i classici del repertorio siciliano Zolfara, Cavalleria Rusticana, I Navarra etc.
Il circo Zoppis e il circo Bisbini che tiravano avanti con qualche cavallo spelacchiato e dei baldi giovanotti al trapezio, un cantante accompagnato dalla fisarmonica e batteria con repertorio napoletano, un pagliaccio e qualche patetica ballerina che aveva il compito di far vendere qualche biglietto.
Ricordarli oggi fa tenerezza; erano dei veri e propri artigiani dello spettacolo; certe volte costretti  ad inventarlo su due piedi con quella passionaccia che solo chi ama questo mestiere ha per sopportare i momenti difficili.
Dietro le Poste ricordiamo l’arena Garden, un cinema all’aperto durato cinque o sei stagioni, che ogni sera costringeva un nugolo di ragazzi a star appollaiati sul terrazzino dei gabinetti per assistere ad una disastrosa visione poiché da qual punto si vedeva mezzo quadro e difficilmente si comprendevano le parole.

Oggi dietro le Poste non c’è  più niente, soltanto quattro o cinque roulotte che vendono panini e patatine e che in qualche modo illuminano la desolazione del posto.     

SICILIANANDO - Armando Carruba -

'Un c'ha siccatu 'u quagghiareddu
Non gli è seccato il caglio

Il caglio è una sostanza che si trova nel ventricolo dei ruminanti, che ancora poppano. Con la crescita del cucciolo il caglio si secca, finisce. Il detto s'adatta a chi, pur essendo cresciuto, non ha perso le abitudini, modi di fare puerili.

mercoledì 10 gennaio 2018

'NA VOTA C'ERA L'OMBRELLAIO - Armando Carruba -

L'OMBRELLAIO
Mu riordu comu fussi comu ora, passava ddo' puzzu 'ngigneri jennu ppa' via Tripoli, umbrelli! umbrelli! aggiustu umbrelli!!! Era l'ombrellaio, misteri ca scumparìu ammuccatu dallo sviluppo ca tuttu mancia! Forsi forsi l'ultimi 'sciuti i fici 'ntà l'anni '70 quannu ancora nun si jttava nenti mancu l'ultimu 'i l'annu ddo' balcuni, erumu tutti ppi sparagnari macari ccu l'innustria ca beni o mali dava travagghiu e picciuli.
All'epuca tuttu era custoditu ccu cura ed era d'obbligu, quannu si spasciava un attrezzu, 'na seggia o autru, di non accattari subitu nautra nova ma circari di ripararla e 'stu fattu pirmitteva tanti artigiani d'aggiustari 'sti cosi: scarpari, custureri, siggiari, umbrellai.
L'umbrellaru, era specializzatu, 'nt'aggiustari umbrelli c'avevunu cedutu 'o ventu i tramuntana. Rattuppava 'a tila, canciava i stecchi che si strafurmavunu e aggiustava 'u manicu; accussì l'umbrellu era megghiu ca novu! I ferri ddo' misteri, sabbati 'ntà 'na cassetta, erunu pinze, stecche di ricambio, pezzi di tila, filu 'i ferru, spagu, ugghi 'i diversa misura e quantu necessariu ppi dari funzionalità a qualchi ombrellu malannatu. 
Certu ca l'ombrellaio faceva mala vita se si pensa che i so' clienti erano in parti genti che non si putevanu pirmettiri d'accattari un ombrello novu spirannu ca 'u mastru facissi u miraculu!
Un personaggiu, comu tanti, che scandivanu ccu cori i mali jurnati 'i acqua!

SICILIANANDO Armando Carruba


Agneddi e sucu e finìu 'u vattìu

Agnelli e sugo ed è finito il battesimo

- Significa una cosa decantata che termina presto, o che addirittura non si verifica

martedì 9 gennaio 2018

PENSIERINO DELLA SERA - Armando Carruba -

PINZERU NICU NICU 
'A genti... vidi, senti e parra... Sulu ca vidi mali, ci senti picca e parra assai !