mercoledì 23 gennaio 2019

BUON COMPLEANNO


Caro papà BUON COMPLEANNO! Oggi si fussutu cca' fussi 'na torta ccu 121 cannili!!! Centuvintunu papà! Eh sì pirchì nascisti a Milocca (oi Milena) Caltanissetta ca era di sabbatu - e si sapi ca è allegra cori - 'u 23 jnnaru ddo' 1897 e cuntinuasti 'u duci camminu 'ntà Fidi mercuri 22 Giugnettu 1974.
Grazii ppi tutti 'nsignamenti ca 'ma datu, primu fra tutti l'ONESTA' (all'omu onestu la parola dacci e accumpagnalu ccu cannili e torci...) poi l'AMURI PPI 'STA TERRA, 'A FAMIGGHIA E' SEMPRI FAMIGGHIA... 
Ssì sempri 'ntò me' cori oi, dumani, sempri

domenica 20 gennaio 2019

CHIANCI LU MARI...



Amici, è da ieri che ci penso, come si sono trovati quei 147... aaazzz 147 naufragati ... Gente che ha pagato già caro quell'ipotetico biglietto a gente senza scrupoli dell'altrui vita umana. Gente che si è indebitata, per un posto ... non di 1a classe, come di sicuro è il corrispettivo pagato, no su una nave da crociera... ma su un GOMMONE ! Nel 2019 si deve viaggiare scomodissimi, si deve rischiare la vita, pagando come se si facesse una bella crociera con balli e canti e champagne!!! Poi la tragedia... tutti a mare... quel mare che ognuno di noi ama, perchè è bello, perchè d'estate etc etc... Quel mare è acqua e loro parafrasando un detto siciliano "avemu l'acqua dintra" NOOO loro non ce l'hanno dentro ci sono cascati in mezzo! Immaginiamo, ognuno di noi, che ha fatto un prestito per quel viaggio, con la speranza di trovare il paradiso all'altra sponda, una vita sempre sognata di lavoro e di guadagno, soldi per poterli mandare alla famiglia rimasta... immaginiamo in acqua e dove volti lo sguardo mare e solo mare... anche volendo nuotare a quella vista cascono le braccia! Purtroppo siamo abituati a queste notizie che non ci fanno più nè caldo e neanche freddo... "hanno ammazzato 5, 6, 7..." e chi aaazzz se ne frega... il terremoto? MISCHINI... Mi auguro che questa sia l'ultima tragedia di queste traversate, per andar via e cercare una ipotetica vita migliore, si deve partire su navi sicure ad affrontare il mare, solo navi sicure i gommoni servono per far divertire i ragazzini sulla spiaggia piccoli o grandi che siano. Un pensiero per questi sfortunati,,,

venerdì 18 gennaio 2019

OCCHIU VIVU COMU A SARDA MOTTA


Caffé, caffé e ancora caffè! Perdindirindina non è che sia un caffèomine (si dice accussì? boh?) ma quando si prende il caffè, sempre con moderazione, o è buono sennò lassa perdiri viviti acqua! Mi son preso un caffè, quale? quello del fallimento Bialetti, a Siracusa capsule per la machinetta nun ni vinnunu cchiù e mi affido a Roma caput do' munnu ... Preso il caffè, come andiamo? La salute com'è? La mia è comu u tempu... perduta... ma ju colira nun mi nni pigghiu, comu veni si cunta e tricche e ballacche si va avanti. Ieri sera in TV ho visto il sig. Salvini tuttu cuntentu con la divisa del contento (na divisa se la mette sempre) che con Di Maio, ma a gennaio, hanno conquistato quota 100 e u nannu in poltrona disse: "Cu lu fici?" Gli era sembrato che in TV fosse ritornato il gioco con Iva Zanicchi il prezzo è giusto! Quando ha saputo che era per le pensioni... solita esclamazione "Si stava megghiu quannu si stava peggiu!" ci vulemu dari tortu? Oh a dire la verotà stu fattu della quota 100 non l'ho ben capita... l'esempio fatto è stato 62 anni di età con 38 anni di contributi, uguale 100! e ci semu... Ma se sono 63 anni di età e 37 di contributi ...100 ... è sempre 100 per il diritto alla pensione o la matematica nun cunta? Comunque sia n'arriminata 'e carti ci vuleva quindi bravo il governo e se ci vogliono aggiustamenti governo e opposizione dovrebbero lavorare a migliorare il tenore di vita di coloro i quali non hanno nessun tenore di vita... Buona serata a tutti e mi raccumannu occhiu vivu comu 'a sarda motta aufridersenne 

giovedì 10 gennaio 2019

CINIMA ITALIA di Armando Carruba

EX CINE ITALIA - Via Caltanissetta SIRACUSA


T'arricordi quannu nui carusi,
cche' vistiteddi novi e puliti
jucavumu o' biliardu Buttaru?
Era festa duminica matinu.

Ma 'a sira 'i faccia aspittava,
ddò cinima Italia 'a lucandina,
ddu filmis ppi liri sittantacincu
in tribuna 'u costu era centu.

Certu eranu prezzi pupulari
comu i filmis di anni arreri,
unni c'era sempri 'u giovanottu
all'arrivu scrusciu e scatamasciu!

Biata picciuttanza a' burgata
tra biliardu e cinima la vita!
di chistu oggi resta 'u riordu
'stu lucali, muratu e sepoltu

Chi ci vulissi binidittu Diu
mittillu a novu ma nun ci criru
oggi si ragiuna per i dinari
e non ppi sarvari sulu 'n beni

SITI D'AMURI di Armando Carruba


SITI D’AMURI

Riordi passati,
di jorna
quannu 'u cori
ballava 'a tarantella,
e tu 'ntò ventu
rirevutu filici.

Riordi, sulu riordi
ca nun tornunu cchiù,
e lu ventu ciuscia
paroli d'amuri
duci comu 'u meli
ddi 'na storia finuta

E sugnu ccà ...
a taliari 'nto scuru
dda' vita
muddichi di sonni
arcunè di jurnati
'i cuntintizza

Armando Carruba (29.5.2015)

Ricordi passati/ di gioni/ quando il cuore/ ballava la tarantella/ e tu nel vento/ ridevi felice./ Ricordi, solo ricordi/ che non tornano più/ e il vento soffia/ parole d'amore/ dolci come il miele/ di una storia finita/ E sono qua/ a guardare nel buio/ della vita/ molliche di sogni/ arcobaleni di giornate/ di felicità.

mercoledì 9 gennaio 2019

SCHETTA NUN T'APPI Vincenzo Adamo
















Schetta non t'appi, maritata t'appi...........
La giuvintù mia si nni jiu squarata
sulu 'u ricordu di na taliata
o pi dirla in manera assai eleganti
l'occhi chini e 'i manu vacanti.
Filippa bedda quantu t'annacavi
cchiù ti taliava e cchiù mi surisfavi
sintìa lu ciautu ri donna matura
partia 'a testa, scinnìanu li surura.
Ora chi si cu mia cchiù nun mi scappi
di schetta ti vulia ma poi nun t'appi
ma lu vuliri meu finiù a schifiu
arrivau Niculinu e mi futtiiu.
Jò persi tempu e nun mi dichiarai
Niculinu nisciu e trasiu Nanai
tu t' 'a spassavi a farti munciuniari
e comu un fissa jò stava a taliari.
E certamenti nuddu ti schifiava
appena chi ogni zzitu ti lassava
pur s'è notoriu, ch' 'a zita lassata
s'un nn'è tuccata e certu vaviata.
Pizzichi e vasi non fannu pirtusa
e mancu su cosa camurriusa
sunnu 'i spiticchi di lu veru amuri
su, di lu fruttu, li chiù beddi ciuri.
Ju spirava chi 'nna stu trasi e nesci,
ma chiddu chi si spira 'un arrinesci,
chi s'avissi a truvatu 'a cugnitura
p'aviri l'occasioni d' 'a 'ntratura.
Ninu s'accuffulau e chiù 'un si mossi
però prestu cci foru sciarri 'rossi
tò patri era cuntrariu a sta zitanza
ma prestu prestu ti vunciau la panza.
Signu chi nun cci fu sulu a vasata
e mancu causa fu la pizzicata
cci fu lu dannu e poi lu dannu fattu
lu patri preti lu sanciu cu l'attu.
Lu jornu chi ti jisti a maritari
'un m'arristau cchiù nenti ri spirari
pi mia fu un funirali cu la missa,
mi turmintai p'un ura comu un fissa.
'Na casa turnatu quasi rispiratu
mi sintia comu un cani vastunatu
Filippa mia, oramai ch'eri pirduta
la vita procedìa tantu sbannuta.
Poi, quannu chi si rici lu distinu
di morti disgraziata morsi Ninu
allura riturnau la ciamma 'n cori
e 'n menti ripitìa : " tintu cu' mori ".
Certu, la cosa, mi l'appi a pinzari
chissi su cosi chi vonnu quagghiari
picchi s' 'a donna zzita è vaviata
va cerca com' è chiddra maritata !,
Non persi tempu a sciogghiri s'arcanu
vinni e t'addumannai subbitu a manu
poi cu la manu mi rasti lu restu
e fu accussì chi t'appi prestu prestu.
Filippa mia oramai cchiù non mi scappi
di schetta ti vulia ma poi nun t'appi
di schetta nò, ma maritata t'appi
basta chi t'appi e comu t'appi t'appi.
Vincenzo Adamo
da : Poesie scherzevoli


martedì 8 gennaio 2019

MALINCUNIA di Cinzia Pitingaro



MALINCUNIA
Malincunia
d’un jorniu senza suli,
d’un omu senza amuri,
abbannunatu e sulu.
Malincunia
di fimmini abbiliati,
pistati, dispirati,
ca chiancinu sfinuti.
Malincunia
di picciriddi nichi
ca cercanu li matri
pi essiri annacati.
Malincunia
di matri di famigghia
ca perdunu lu sonnu
p’i peni di li figghi.
Malincunia
di vecchi ormai scurdati,
ittati ntô n’agnuni
senza essiri cunfurtati.
Malincunia
di notti senza luci,
d’un cielu senza stiddi,
d’un munnu senza paci…
Cinzia Pitingaro