lunedì 19 febbraio 2018

SICILIANANDO Armando Carruba

               Cu' nun havi amuri ppi l'armali, nun havi amuri mancu pi li cristiani.

domenica 18 febbraio 2018

Buon pranzo



Buon pranzo a tutti ! Chi ci cala 'a maistra? pasta ca sassa? oppuru ppi jirisinni alla sbriciola un pollo accattatu cche' patatine e pani i casa croccante e cauru cauru 'sciutu ddo' furnu... Jurnata sempri friddulina da capu di matina! E all'ura di mangiari n'assittamu e ni taliamo la partita TORINO JUVENTUS... Oh bedda Madri la gran colira chi mi pigghiai arsira cu st'Inter ... una ni vinci e tri ci n'appizza, menu mali che i punti i ficimu in partenza manzinò... ma sti jucaturi su fatti i cartuni??? Comunque sia Inter di oggi nun assumigghia mancu un pizzuddu a chidda d'aieri... Buona domenica e metto una foto capitata per caso: Ju e me' figghia e alle spalle il magico paese delle robbe MILENA in prov. Caltanissetta 

giovedì 15 febbraio 2018

LU SCECCU E LU SCIUMI Venerando Gangi

LU SCECCU E LU SCIUMI

Passava un sciumi trubulu
un sceccu carricatu,
e stentu e gran fastiddiu
pruvava sfurtunatu.
Li pedi ca cci ncoddinu
ntra ddu fangusu lettu;
e la sciumara acchianacci
ppri fina nta lu pettu.
Per unni lamintannusi
stu miseru dicia:
Oh sciumi chi martiriu
ca fusti tu ppri mia!
Parra lu Sciumi all'asinu,
e dici: Oh, a ssi guai
si cci darrà rimeddiu,
non passa tantu assai.
Quannu dui misi scursiru
l'asinu ca si trova,
a lu passu medesimu
vitti na cosa nova:
Un bellu ponti autu
vitti, e ntra sè dicia:
Dunca sta granni fabbrica
tocca ammuntari a mia?
O Sciumi tu mi liberi
di un mali ccu autru mali.
A cui lu Sciumi: zittuti
o stupidu animali.
Menzu nun c'è; eligiti
lu fangu, o l'acchianari;
ca tutti dui l'incommodi
no, non li poi scansari.
Passu di sciumi trubulu
sta vita è affannata:
Suffriri è necessaiu
o l'acqua o l'acchianata.

Venerando Gangi

L'ASINO E IL FIUME - Passava un fiume torbido, l'asino caricato, e stento e gran fastidio provava, il disgraziato. I piedi gli s'incollavano sopra il fangoso letto e la fiumara arrivagli già fino in mezzo al petto. Per questo lamentandosi faceva la sua via: "O Fiume, che martirio dai alla vita mia!" Ma gli risponde il fiume e dice: "A questi guai presto rimedio avrai, non passa tempo assai". Due mesi poi trascorrono. L'asino si ritrova in quel passo medesimo e vede una cosa nuova: un ponte alto e largo e forte a tutta prova. "Dunque, montar mi tocca" disse fra sé e sé "quest'altra immensa rocca? O Fiume, tu mi liberi d'un mal con altro male". E a lui il Fiume: "Zitto o stupido animale! Altro non c'è: scegli, il fango o rampicare; ché tutti e due gli incomodi tu non li puoi scansare". Passo di fiume torbido è la vita affannata: soffrire è necessario o fango o rampicata.

venerdì 9 febbraio 2018

ISOLA DEI FAMOSI

Carissimi amici, è inutili d''n pilu ni fanu 'n travu sissignura. Di unni giri e furrìi trovi Eva...Eva... e Eva... Quali Eva? Non facisse l'intontoro ca lei a canusce cchiù megghiu ancora assai di mia, chi ci pareva quella d'Adamo e Eva e paradiso terrestre? Una fac simile! Eva Henger la nota attrice per adulti (accussì la definiscono per non dire attrice porno), che oramai nei reality c'è questa usanza, oggi a l'anno c'era Malena orgogliosissima d'essere attrice per adulti e cuntita idda cuntenti tutti, st'anno c'era Eva la bellissima Eva. Idda si aveva fattu u cuntu di fari 'na bedda isola, visibilità a tinchitè, sordi macari e contratti a mai finiri 'na vota finuta l'avventura. Vinni un tronista di misteri tronista, chiddi ca cumparunu 'nta Maria a mugghieri i Custanzu e ccu sta cumparsa campanu facennu cumparsati ... bella vita si durassi! Ppi falla brevi Francesco la nominò in nominescion (u sacciu comu si scrivi...) e idda arristo' comu a chiddu ca c'ha visti etc etc onde ppi cui ha dovuto abbandonare l'isola dei famosi che famosi non sono ma di cumparsa. A stu puntu, aspetta un mumentu ca tu cuntu, isò u itu da manu e disse ca Francesco aveva fumatu droga majurana e che se l'acchiapavunu unni si truvavunu arrestati tutti. Arristamu tutti alliccuti???!!! Ma quannu mai? Cioè pirchì nun ha parratu prima e non ca ti nna ghiri??? Fattu sta ca macari Francesco lassò l'isolo ppi fara la bedda cumparsa e difinnirisi dalle accuse dell'attrice per adulti. Ed è da quannu cuminciò sta storia ca nun passa un mumentu ca cu cunta ci junci sempri qualchi cosa. Ma Eva pirchì nun si faceva i aaazzz so'? Chi ci varagna? Ah chi cosa nun si fa ppi farisi vidiri in TV .... ! Senza jabbu e maravigghia

RADIO CHE PASSIONE ! Armando Carruba



RADIO CHE PASSIONE !
Eh l'emittente locale! Dopo la prima - Onde Radio - ci fu la seconda, bravo hai scoperto la carta vetrata! Sì ma quale fu la seconda emittente locale installata? Credo, con presunzione, che pochissimi, ma proprio contati sulle dita della mano a saperlo... fu... momento di suspense... SIRACUSA SOUND su 88.800 megaerziiii trasmetteva da viale Tisia il tecnico un dipendente Montedison dell'infermeria Michele e il dott. Spicuglia. Era un'emittente che non si sentiva per tutta la città, NOOOOO, arrivava sino 'o passaggiu a liveddu da via Catania, e lì i treni passavano e SIRACUSA SOUND si fermava; in seguito si trasferì in via Filisto fino a chiudere defnitivamente con la nascita e crescita di altre emittenti e la banda dei MEGAEZZI aumentò a tal punto che si arrivava ad ascoltare in una frequenza tre radio!!! SIRACUSA SOUND era fornita di buoni programmi, da quelli medici a consigli d'avvocato, alla poesia, teatro, jazz etc ... Poi tra le radio prepotentemente avanzò la radio delle radio... ma questo è argomento del post di domani Buon pranzo 

giovedì 1 febbraio 2018

SICILIANANDO Armando Carruba

Attaccami 'cca ca' c'è bon erva
Legami qui che c'è erba buona

Si usa dire ad una persona buona e sincera, accondiscendente che accetta di fare ciò che gli si dice. Il detto ha origini contadine, si riferisce agli animali che vengono legati (o meglio "curdiati") nel posto migliore di pastura

mercoledì 31 gennaio 2018

SICILIANANDO Armando Carruba



Nun ci nesci nenti pa' jatta
Non esserci niente per la gatta
Si dice per rifiutare decisamente ogni aiuto. Non c'è più nulla, nemmeno quanto potrebbe bastare per soddisfare la fame di una gatta.