lunedì 29 maggio 2017

SICILIANANDO - armando carruba -



Cu' è chi casca e cunsigghiu ha fujutu
non havi dirittu di chiamari aiutu

Colui che cade per non aver preso consigli
non ha diritto di chiamare aiuto

domenica 28 maggio 2017

COSI ìI DIU



'I COSI 'I DIU
accussì prijaumu 'na vota
O Maria sti pocu ciuri
l'offiremu a lu Signuri.
Nun su' comu miritati
ppi la vostra maistati:
Sunu rrosi sculuruti
lu bon cori arricipiti.
Nui 'nterra lu damu a vui,
e Vui 'ncelu li dati a nui.
'Ncelu cantanu li Santi,
e nui ccà rusarianti,
nui cantamu ccu vittoria,
o Maria l'eterna gloria;
e Maria ni l'ha prumisu
n'hati a dari 'u paradisu.
O Rigina 'ncurunata,
duci Virgini Maria,
e vi sia raccumannata
chista povira arma mia.
O grann'Ancilu di Diu,
tu chi si' cumpagnu miu
veni ajutami stanotti
chi 'un mora 'i mala morti.

SICILIANANDO - armando carruba -



Vucca majstra e ciriveddu bonu
nun vonnu santi p'assittari 'n tronu

Bocca maestra e buon cervello
non cercano santi per affermarsi

sabato 27 maggio 2017

PENSIERINO DELLA SERA - armando carruba -



Accatta un diavulu cent'unzi
e non 'n fissa cincu grana
(Preferisci un diavolo a caro prezzo
che un fesso a buon mercato)

SICILIANANDO armando carruba


Ci dissi lu sinnacu a li capi: si nun putiti pigghiari sardi pigghiati opi
Disse il sindaco ai capi: se non potete pescare sarde pescate boghe

Accettare di buon grado quanto ci capita. Si dice, con lo stesso significato "Accuntintamuci di chiddu ca' 'cci manna 'u Signuri" accontentiamoci di quel che ci manda il Signore. Le due espressioni che si riferiscono al sindaco evidentemente hanno origine di qualche ordinanza di divieto.

giovedì 25 maggio 2017

SE...

Se tu mia sorella
Se tu mi rivenissi incontro viva,
con la mano tesa,
ancora potrei,
di nuovo in uno slancio d'oblio, stringere,
sorella, una mano.
Ma di te, di te più non mi circondano
che sogni, barlumi,
i fuochi senza fuoco del passato.
La memoria non svolge che le immagini
e a me stesso, io stesso
non sono già più
che l'annientante nulla del pensiero.

sabato 13 maggio 2017

TRISTEZZA

Desiderio della tua voce
del dolce tuo viso
del tuo profumo
d'averti accanto...

Ah amara giovinezza
che gioca a rimpiattino
con i miei ricordi
che non si cancellano mai

Non so credere
quello che non voglio credere
il nostro amore
candido come colomba

La colomba divenne gabbianina
e volò per altri lidi
lasciando il suo gabbiano
su uno scoglio di ricordi...

Armando Carruba