mercoledì 18 gennaio 2017

GABBIANI di Armando Carruba

GABBIANI
Gabbiani siamo!
Il vento della vita
soffia sugli anni
che scorrono
lentamente
come granelli sabbia
nella clessidra
dell'esistenza...
E noi eterni gabbiani
volando
attraversiamo
il dolore, il piacere,
l'amore, la delusione,
l'ipocrisia...
e felicemente stanchi
riposeremo le ali
sul nostro scoglio.
Armando Carruba

LU SATURU 'UN CRIDI LU DIJUNU Vincenzo Bondice

LU SATURU 'UN CRIDI LU DIJUNU

Voi sapiri pirchì dd'omu é inumanu?
Voi sapiri pirchì sdegna talunu
di stenniri a li poviri la manu,
e pigghia a cui lu prega pr'importunu?
Pirchì non sapi di lu Fatu stranu
li corpa, e non provau  bisognu alcunu.
Quantu dici lu muttu non é vanu,
ca lu saturu 'un cridi lu dijunu.

Vincenzo Bondice

CHI E' SAZIO NON CREDE A CHI E' DIGIUNO - Vuoi sapere perchè l'uomo è inumano? Vuoi sapere perchè sdegna taluno di stendere ai poveri la mano, e appella chi lo chiama "inopportuno?" Perchè egli non sa del Fato strano i colpi e mai provò bisogno alcuno. Quanto dice il proverbio non é vano: il sazio non crede a chi é digiuno.

SICILIANANDO - Armando Carruba -

SCIATARA E MATTRA (E VOGGHIU DIRI)i

 (praticamente intraducibile in italiano, utilizzato soprattutto come esclamazione davanti ad un fatto, un evento che appare incredibile e che, pure, si è realmente verificato. L'origine, è oscura, ma sembra che una bellissima principessa araba, di nome Shater (o simile), fosse vittima della terribile gelosia del padre che la teneva chiusa nelle sue stanze, guardata a vista affinchè non avesse contatti con nessun esponente del sesso maschile, e ciò nonostante, pare abbia, ad un certo punto, partorito un bel bambino)

MEGGHIU PICCA GODIRI, CH'ASSAI TRIVULIARI Santo Rapisarda



Chì giuva all'omu avaru tantu aviri,
si campa allammicatu pr'acquistari?
Chi giuva a chiddu ca nun sa gudiri
di la so robba, e di li so dinari?
Filici dd'omu sulu avemu a diri,
ca si sà di lu pocu cuntintari;
megghiu gudiri picca e non suffriri,
ch'aviri beni assai, e trivuliari.

Santo Rapisarda

MEGLIO POCO GODERE CHE ASSAI TRIBOLARE - Che giova all'uomo avaro tanto avere, se vive tutto teso ad acquistare? Che giovano, a chi non sa godere, la roba, le ricchezze e perle rare? Felice l'uomo, solo dobbiamo dire, che del poco si sa accontentare: meglio godere poco e non soffrire, che avere molti beni e tribolare.

martedì 17 gennaio 2017

LA ME' CANUZZA di Armando Carruba

video

LA ME' CANUZZA

La me' canuzza è tisa e duci
mi piaci ca ccu mia si cunnuci,
jornu e notti è sempri ccu mia
ni tinemu 'na bedda cumpagnia

Pigghiamulu l'esempiu da li cani
ci voli picca ppi vuliri beni
ca pari c'abbaja inveci cchi fa?
mi dici ccu cori "ssì beddu papà!"

Armando Carruba 17.1.2017

CUI N'HA' CHI FARI, PETTINA LI CANI di Paolo Catania


Cui n'hà chi fari, pettina li cani

Niscirai prestu d'affanni e di peni
mentri chi si sullecitu di mani,
ma si travagghiari ti 'ntratteni,
com'affamatu circhirai lu pani.
S'affanni pr'honoratu ti manteni
Né mai operi toi sarrannu vani;
si stai oziusu ti dirannu beni
Si n'hai chi fari pettina li cani

Paolo Catania

CHI NON HA DA FARE PETTINA I CANI 
Uscirai presto d'affanni e di pene finché sarai sollecito di mani, ma se di lavorare ti trattieni come affamato cercherai il pane; se invece onorato ti mantieni le tue fatiche non sasanno vane. Se stai ozioso, ti diranno bene: non hai che fare? E pettina i cani!

SITI D'AMURI Armando Carruba


Alleggiu Alleggiu 'u scuru mori
lassannu 'u mari ddo' tempu
abbrazzatu 'o sò duluri

Alleggiu alleggiu pitta
'ntà tila dda' vita
'n cori novu pigghia ciatu

Alleggiu alleggiu nasci 'n amuri
senti a jurnata ca ti pigghia
e ti fa ballari 'a tarantella

Armando Carruba