mercoledì 28 settembre 2016

DUBBIU di Armando Carruba

DUBBIU

Un malateddu curcatu cca' frevi
jeva spiannu a la so' mugghieri
si pircasu stirava i palitti
avissi chianciutu lacrimi fitti.
- Maritu beddu, ci rispusi idda,
ma comu mi po' fari 'sta dumanna?
l'avissitu a teniri in menti
ca haju sempri chianciutu ppi nenti!

Armando Carruba

L'OMU DI SALI di Renzino Barbera




La sicilianietà dei versi di Renzino Barbera s'avverte nella lettura delle poesie dedicate ai salinari di Trapani o ai minatori del Nisseno. 


L'OMU DI SALI

Sali, poi sali e poi sali!
E sulu muntagni di sali!
Pinsari, pì ogni palata,
quanti spaghetti cunnisci
la genti 'nt'o munnu, ch'è nata
luntanu di Trapani mia!
Sali, poi sali e poi sali!
Di picciuli?... un pizzicu sulu!
e 'nveci, di sali... palate!
Haju l'occhi abbruciati du sali;
i manu sirrati du sali;
e puru u suduri, é di sali!
E diri, ca 'u mari putissi
nun darimi sali, ma pisci...
magari salatu;
e inveci, di mia s'à scurdatu!
E restu, tra 'u suli ed 'u sali,
sunnannu muntagni di nivi,
sunnannu... e poi lu sciroccu,
ti squagghia 'a nivi 'nta faccia
e pari ca fussi... suduri
di nivi! ca scinni, ca scinni...
arriva cca ssutta e poi?... sali
e poi sali e muntagni di sali.
Chi vita scipita, 'nt'o sali!

Renzino Barbera

'A 'NA SIGNURA CA TAGGHIA SEMPRI E NUN CUSI MAI ('A VUCCA) di Armando Carruba

Sistemando le mie carte, ho trovato questi versi scritti con la rabbia in corpo! Rabbia derivante da una vigliacca, vergognosa diffamazione nei miei riguardi, che mi  colpiva nel momento più triste della mia vita. 
La calunnia e la diffamazione è la cosa più vile che si possa fare,  sapendo - come bene li parogona  Pirandello nel Berretto a sonagli, che sono come macchie d'olio,  più li vuoi levare e più s'allargano e di conseguenza sei impotente a difenderti da queste vigliaccate di gente che detta in siciliano non vale mancu 'na sputazzata.


'A 'na signura ca cusi e scusi
la bona genti ccu milli accusi
'sti versi ppi farici capiri
ca ci livassi manu, lassasti stari.
Ni canuscemu tutti a Sarausa
ppò diri la cchiù 'nfamanti cosa
chiacchiri persi, si circassi scusa,
s'antabbaccassi ca forsi m'ha pigghiatu
ppi qualchidunu di lu sò casatu?
Sbagghiu c'è! Ca comu dissi Toti
"Nun scanciamu 'i sauri ccu l'opi!"
Diu ni sarva da li sparrittera
ca ccu la lingua sempri sciuta fora
fanu usu di mala parola
ppi tagghiari di bruttu li cristiana.
Canusciu 'na "signura" a lu Zicchinu,
beddu spicchiu d'agghiu, t'assicuru;
l'hai prisenti 'na vutti di vinu
granni chiussai d'un cantaranu?
Laria, malafatta, strinchillata,
mischina veni a fari sirinata
a cu canusci 'a sò vita?
So' maritu, beddu, ca 'o spissu
cerca sordi e nun cuntu restu
ca si ti trovi a darici dinari
di sicuru tu... ti li pò scurdari.
Babba ma chiffà nun t'innaduni
ca cca' sutta propriu nun ci chiovi?
Bastava pigghiari giusti infurmazioni
ppi sapiri comu vuscu i me' dinari:
travagghiu onestu tuttu 'u jornu
sordi nun haju dumannatu a nuddu
vui nun putiti diri a stissa cosa
si sbagghiu signura vi chiedo scusa
ma sugnu 'ntò giustu e lu sapiti
e allura di mia chi vuliti???
Chi sunu 'sti petri ca tirati?
darreri 'e spaddi pirchì vili siti
e parrati si vuliti parrari
'ntà faccia, cchi vali di darreri?
Aria netta nun si scanta di trona
menu ca mai dda' tinta parola.

Armando Carruba




martedì 27 settembre 2016

CHAT - autore sconosciuto -

CHAT
Ti ho trovato
una notte per caso girando qua le là:
una parola un rigo
scritto nel silenzio di una stanza vuota.
Dopo un lungo sonno ho ripreso a vivere
la delicatezza dei tuoi sentimenti
hanno riempito il mio cuore.
Sono dedicate a te
amore queste parole
perderti significherebbe
chiudere gli occhi e tornare al
lungo sonno senza fine
(autore sconosciuto)

SICILIANANDO Armando Carruba

TUTTA 'A SCIARRA FU PPA' CUTRA
Il motivo della lite è stata la coperta

'A frasi intenni 'n mutivu ammucciatu. Nascìu dall'abitudini di rialari 'o parrinu, che assisteva 'o moribunnu, 'a cuperta funibri, e se putacasu i parrini erunu dui, fineva a sciarra. 'U Pitré cunta 'a storia di 'nomu canusciutu comu "paceri". 
'Na notti, ddu scassapagghiari ficiunu finta di sciarriarisi davanti 'a porta ddo' paceri. L'omu, 'ntà spiranza di mettiri paci, nesci ppi strata commucchiatu dda' cuperta. I dui ci sataru 'n coddu, lignati a leva pilu e ci livaru a cuperta. Trasutu 'n casa, a mugghieri ca c'addumannava 'u mutivu dda' scerra, 'u "paceri" ci rispusi suspirannu: "Tutta 'a sciarra fu ppa' cutra!".
Sempri stritta a pampina e larga 'a via... diciti 'a vostra c'haju dittu la mia.... 

TIRITERA Armando Carruba

Jvu dda' 'ntà za Milina
accattai carta vilina
ppi fari 'na bedda stidda
ccu carta, lazzu e canna.
'A stidda scattiò 'ntò celu
m'arristò 'u filu 'n manu
Armando Carruba.

CUCINA SICILIANA Armando Carruba

MARE SICILIANO A TAVOLA
BUSIATE AL RAGU' DI TONNO
(Le busiate sono una specialità di pasta fresca che prende il nome dai busi, i ferri usati per confezionarla)
Ingredienti per 4 persone:
* 500 gr di busiate
* 300 gr di tonno fresco
* 700 gr di pomodori maturi
* 1 ciuffo di basilico
* 1 spicchio d'aglio
* 1 ciuffo di menta
* 1/2 cipolla
* 1 foglia di alloro
* vino bianco secco
* olio extravergine d'oliva
* sale e pepe.
Lasciate il tonno a bagno in acqua e sale per un'ora, poi, sgocciolatelo, asciugatelo e tagliatelo a dadini, dopo aver eliminato la pelle.
Affettate la cipolla e lasciatela appassire in un tegame con 4 cucchiai di olio; aggiungete i pomodori pelati, privati dei semi e sminuzzati, le foglie di basilico, una presa di sale e una spolverata di pepe e cuocete per 10 minuti. Fate imbiondire l'aglio in una padella con 5 cucchiai d'olio e l'alloro; unite il pesce e rosolatelo, rigirandolo nel condimento. Bagnate con il vino e aspettate che sia evaporato; quindi eliminate l'aglio e versate il sugo del pomodoro. Incorporate poca acqua calda; cospargete di menta sminuzzata e proseguite la cottura per circa 20 minuti. Lessate la pasta in abbondante acqua salata con 1 cucchiaio d'olio; sgocciolatela e ripassatela in padella con il ragù del tonno