mercoledì 29 giugno 2016

ANNIVERSARIO . . .







Un anniversario è l’occasione per celebrare le gioie di oggi, i ricordi di ieri, e le speranze di domani.

TIRITERE POPOLARI

TRAVAGGHIAMU TRAVAGGHIAMU


Travagghiamu travagghiamu
c'è Maria ca n'accumpagna
n'accumpagna stamatina
ppi pighiarini l'acquazzina;
l'acquazzina è 'na spunzera
ni dicitini li pinzera
l'acquazzina è nna la menti,
binidicitini li sentimenti;
l'acquazzina è nn'i violi
biniticitini li paroli;
l'acquazzina è n'ta li puma
binidicitini la pirsuna;
l'acquazzina è in ogni cosa
binidicitini li fusa;
l'acquazzina veni da lu mari
binidicitini li tilari.
Travagghiamu travagghiamu
c'è Maria ca n'accumpagna

lunedì 27 giugno 2016

... E PPI PURTARI 'NZINGULA - anonimo -

Questa è 'A PLAYA di Siracusa oggi, negli anni cinquanta era la spiaggia del popolino siracusano.
Gli ingenui versi, in dialetto "italianizzato" per sembrare più "'struitu" alla bella, sono improntati per risvegliare quei sentimenti amorosi che in lei stanno appassendo.
... E PPI PUTTARI 'NSINGULA
Nun t'arrivoddi quann'erumu zziti
e passiggiàvomo di sotto al balcone,
facèvamo all'amore ammoccione ammocione
di tua mamma e di tuo papà.
...e ppi puttari 'nsingula era una notte di luna
e per nostra fortuna nessuno ci sconzò!
Nun t'arrivoddi dda sera alla Marina
eri vestita d'un dolce soprabbito
avevi una vesta di rosa spràvvido
eri aligante al pari di a me
...e ppi puttari 'nsingula mentre la banna sonava,
la prima littra ti rava ammucciuni ra mamà!
Nun t'arrivoddi quel giorno alla Pilàia
mentre natàvomo lontano lontano,
ti venni a 'ntrasatta, ti presi la mano
e n'affunnammo insemmola con te!
...e ppi puttari 'nsingula mentre ca stavomo natanno
ni stavomo annianno insemmola con te!

LU VECCHIU CARRITTERI Nico Coriglione

Spesso vado a curiosare in quei carrettini dove vendono libri usati, li giro e li rigiro, le mani inevitabilmente si sporcano ma alla fine la contentezza in cuore d'aver acquistato a poco prezzo la gioia della lettura del testo e degli appunti che sovente si trovano.
Questa poesia che vi propongo è di NICO CONIGLIONE dal suo volumetto di liriche siciliane PICUNIANNU del 1981 per EDIZ. COOPERATIVA CATANIA MONTE. 
armando carruba

LU VECCHIU CARRITTERI

Agghiorna...
Lu vecchiu carritteri
apri lu purteddu
e guarda lu riverburu 'nta lu mari...
Ricorda l'ura
di la 'mpajatura di lu mulu
e di lu primu viaggiu
a la lanterna.

SPIRANZA, RISPETTU E PIRDUNU di Armando Carruba



O chi ti vanu 'i cosi cchiù dritti
o chi ti vanu puramenti storti 
'a spiranza è ultima a moriri
pirchì 'ntà vita tuttu pò succediri

Cu di spiranza sempri iddu campa
si dici, dispiratu poi mori!
ppi cui lassa stari ogni lagnanza
e duna pocu cuntu a spiranza.

'U rispettu no! Ca è misuratu
si tu lu porti l'aviri purtatu
Non tò fari scappisari 'i nuddu
ma pritennulu 'i chistu e chiddu

Pirduna tò frati ca fa piccatu
e si penti di cori, è dovutu
e si pecca setti voti e setti
ccu tia, pirdunalu, t'arrizzetti

St''nzignamentu 'u lassò 'u Signuri
ppi campari 'n paci e amuri

Armando Carruba







SPIAGGIA di Armando Carruba

                                          Siracusa - lido Arenella -


SPIAGGIA

Sempri m'ha piaciutu
'a rina fina e pulita
'u scrusciu ddo' mari
'i prima matina

Ti lava 'i pinzeri
asciucannuli 'o suli,
'u stissu ca ti senti 'ncoddu
'a sira ricurdannuti ca cci ssì.


Duci 'stati ...

Armando Carruba

MODI DI DIRE IN DIALETTO - Armando Carruba -


STANCA SI' MA SAZZIA MAI
stanca sì ma sazia mai

A significare che non si è mai soddisfatti. Secondo una tradizione, queste furono le parole pronunziate dopo un bestiale exploit erotico bestiale, dalla insaziabile regina di Sicilia e di Napoli, Giovanna di Angiò. 
La regina dopo aver provato un esercito di ubbidienti sudditi, alla fine volle provare un poderoso stallone orgoglio delle scuderie. Dalla frase tramandata, però, si evince che questa bestiale eperienza non soddisfò Giovanna. E questo amplesso ippo-regale è immortalato nella fantasiosa fontana di Piazza Pretoria a Palermo; in mezzo ad una folla di figure allegoriche spicca il gruppo formato dalla regina Giovanna e dal suo patner equino. 
Per questo motivo le donne "mangiatrici d'uomini" si vedono appioppare l'epiteto di "regina Giovanna!" 

domenica 26 giugno 2016

LU CURNUTU canta Luciano Occhino


Una simpaticissima canzone dedicata ai "cornuti" che campano felici, cornuti e contenti!

sabato 25 giugno 2016

LA FAMIGGHIA di Giuseppe Vitale

                                        FOTO - gli attori Bianca Reale e Armando Carruba

LA FAMIGGHIA

Trova la vita mia sulu riparu
quannu la sira 'n casa mi ritiru
stancu d'ardenzi ca non mi la firu
disiddirusu di lu fucularu.

Mentri ca fazzu lu travagghiu amaru
ammuttu l'uri quantu prestu viru,
me' mogghi cu li figghi, quantu a giru
li vasu a tutti ccu 'n affettu caru.

Mutu m'assettu a tavula cunzata,
,i mettu la cchiù nica a li dinocchia
mangiannu dda minestra travagghiata.

E mentri mangiu guardu a li tisori
ascutu la cchiù nica ca 'mpapocchia...
...non c'è filici cchiù di lu mé cori.

Giuseppe Vitale

giovedì 23 giugno 2016

'PRJIERA DDA' MOGGHI DDO' MARINARU (popolare)


Preghiera inviataci dalla sig.a Nella che ringraziamo.


Parti lu marinaru e va pî mari,
lassa du’ sordi e menzu a sâ mugghieri:
- Mugghieri mia accatticci ‘a farina
finu ca vaiu e tornu di Missina.
- Santu Nicola miu.. fallu annijari
Se restu cattiva (1) iu nun mi ni curu,
Ah! Quantu vali nu ciancu ‘i massaru..

nun vali ‘na varca cu tri ‘ntinni d’oru.

(popolare)

(1) Cattiva = vedova.

mercoledì 22 giugno 2016

MI FACISSI di Carmelo Assenza

MI FACISSI
(poesia di Carmelo Assenza – Modica 1927-2014)
Mi facissi ‘na mangiata
‘nta ‘na tavula di petra.
Mi facissi ‘na vivuta
‘nta ‘nu bummulu di crita.
Mi facissi ‘na rurmuta
sulu, sulu, ‘na nuttata;
‘nta ‘na casa sularina
o straventu, a’ stravintata.
Mi facissi ‘na cantata
a lu lustru di la luna,
comu ‘n tempu, ‘nta ‘n carrettu
ni mitteumu ‘n camminu
e ghinchieumu ‘u straduni
di risati e di canzuni…
Mi facissi ‘na cugghiuta
d’austusi “milicucchi”
e chianatu ‘nta l’antinni,
poi stuccari ramisteddi
ppi tiralli ‘e fimmineddi…
Mi facissi ‘na mietuta
cu’ ghitali e manicheddi,
e sintirimi sculari
‘nta la frunti li sururi
e sintirimi asciugari
‘nta lu pettu li unneddi.
Mi facissi ‘na parrata
cu lu nannu sgangalatu,
cu d’ucchiddi angilippati:
…e di peni …e di stanchizza.
Dda vucidda trimulanti…
comu ancora m’accarizza…
Mi facissi…mi facissi…
ma c’haiu a fari, ca nun pozzu fari nenti;
nun m’arresta di passari
cumu veni chisti jorna
e turnari cu la menti
a ddu tempu
CA NUN TORNA!

lunedì 20 giugno 2016

PARRARI 'N SICCU di Armando Carruba


FARI LA CALATA DI LI 'MBRIACHI
Fare la calata degli ubriachi

Una cosa tumultuosa, confusa; ma anche spiritosa e allegra. La "calata dde' 'mbriachi" aveva luogo al ritorno del pellegrinaggio al Santuario dei tre fratelli santi di Trecastagni: Alfio, Cirino e Filadelfo (il paese prese il nome dai Tre Casti Agnelli). La notte del 9-10 maggio, da tutti i posti dell'Etna convergono a Trecastagni decine di migliaia di pellegrini. Questo pellegrinaggio è consigliato ai sordomuti, potrebbero riacquistare la parola e l'udito. 
I devoti compiono il viaggio a piedi, portando sulla spalla ceri grossi come tronchi d'albero.  Di tanto in tanto (naturalmente i loquaci) sostano e gridano "Sant'Alfiu A tia vegnu cu' tuttu u cori!" Oggi indossono lunghi mutandoni e maglie. Arrivati a Trecastagni la folla si accampa in piazza o dentro il Santuario. Poi la folla comincia a mangiare. Cibi di prammatica sono la carne di castrato e il lardo salato. Poi l'immancabile assortimento di frutta secca (che in siciliano si chiama "scacciu") Il tutto innaffiato con dell'ottimo vino dell'Etna. A questo punto la festa rivela la sua antica origine pagana: il Calendimaggio. La gozzoviglia dura fino al 10 maggio pomeriggio quando i pellegrini stanchi e carichi di trecce d'aglio, ritornano a casa. E una volta il ritorno a casa assumeva toni anche drammatici. La gente viaggiava su carri continuando a mangiare e bere e suonando cantando canzoni siciliane. Il vino faceva sì che questo ritorno fosse costellato di risse e sangionosi duelli rusticani, di rotture di vecchie amicizie e inizio di nuove. Otto giorni dopo la replica. . .

domenica 19 giugno 2016

MARI di Armando Carruba


Palumma 'i mari
ca curri supra l'unna
assicutannu
'i me' sonni 'i carusu,
ca sira ppi sira
venunu a scuitari
i me' pinzeri...
Assettati 'o me' latu
e parrami 'i contrudanzi
'i 'na vita spinnuta
jornu dopu jornu
pp'accattari onistati
comu scuma janca 
'ill'unna 'i mari
ca comu a me' vita
mori a ribba
a calari dda' sira

Armando Carruba (19/6/2016)



 Gabbiano che corri sull'onda rincorrendo i miei sogni fanciulleschi che ogni sera vengono a sconvolgere i miei pensieri... Siediti vicino e parlami di controdanze di una vita spesa, giorno dopo giorno, per comprare onestà come la schiuma bianca dell'onda del mare che come la mia vita muore a riva quando scende la sera.

venerdì 17 giugno 2016

AMANTE MIA di Armando Carruba



Morte, dolce amante, 
che con  carezze
prendi la vita
filtrandola,
nella clessidra
del tempo, 
facendo vivere
nel buio della notte
giorni passati
come granelli di sabbia
che scivolano dalle mani.
Prendimi...
come il prode Orlando
a Roncisvalle,
o  Colapesce a Messina...
T'aspetterò
sotto la ringhiera del tempo,
quando il gabbiano,
nella sera,
spiccherà l'ultimo volo
laggiù al porto.

Armando Carruba (17/6/2016)

giovedì 16 giugno 2016

AUGURI BIANCUZZA MIA di Armando Carruba



'N annu 'i 'spirienzi e riordi
'n annu 'i chianti e dilusioni
d'alligrizza 'i cori e passioni
'n annu passò

Oi hai 'n annu superchiu
e ogni annu 'a vita ti riala
i riordi di chiddu cca statu
e 'u sapiri di chiddu ca ssì

Scartalu alleggiu 'stu rialu
ci trovi 'a vita e l'amuri
Grazii ca ci ssì giuiuzza rara
'u tempu passa nuautri no...

A U G U R I 

LA ZITA - popolare -

LA ZITA

Chi mància la zita
chi si marita?

coru
'Na cartata di cunfetti,
'na 'nguantera 'i pasticciotti

tutti
NOOOOOO!...

Chi mància la zita
chi si marita?

coru
Mancia 'n aceddu
e du' ova 'o tijaneddu

Chi mància la zita
chi si marita?

coru
Mància 'n aceddu
e du' ova 'o tijaneddu,
tri unzi 'i sarduzza
e si suca 'a cucuzza

Chi màancia la zita
chi si marita?

Mància 'n aceddu
e du' ova 'o tijaneddu,
tri unzi 'i sarduzza
e si suca 'a cucuzza,
quattru fila 'i pasta zitu
cucinati 'i so' maritu.

Chi mància la zita
chi si marita?

Mància 'n aceddu
du' ova 'o tijaneddu
tri unzi 'i sarduzza
e si suca 'a cucuzza,
quattru fila 'i pasta zitu
cucinati 'i so' maritu
cincu quagghi chi patati
prima fritti e poi 'nfurnati

Chi mància la zita
chi si marita?

Mancia 'n aceddu
du' ova 'o tijaneddu
tri unzi 'i sarduzza
e si suca 'a cucuzza,
quattru fila 'i pasta zitu
cucinati 'i so' maritu
cincu quagghi chi patati
prima fritti e poi 'nfurnati
se' caddozza di sasizza
'nfinucchiata e spizzusazza

Chi mància la zita
chi si marita?

Mància 'n aceddu
du' ova 'o tijaneddu,
tri unzi 'i sarduzza
si suca 'a cucuzza,
quattru fila 'i pasta zitu
cucinati 'i so' maritu,
cincu quagghi chi patati
prima fritti e poi 'nfurnatu,
se' caddozza di sasizza
'nfinucchiata e spizzusazza
setti còccia di fasoli:
ògghiu, acitu e picca sali.
ottu ìrita 'i viscottu
mi si faci 'u panicottu
novi pugna di farina
mi si teni a panza china.

SIRACUSA - Orecchio di Dionisio - Armando Carruba

L'orecchio di Dionisio è una grotta lunga 65 metri e alta 23, tutta scavata artificialmente nella roccia. Per il suo straordinario eco, ha fatto lavorare la fantasia di quanti l'hanno visitata. Basta un soffio o stracciare un pezzetto di carta per notare il suo grande effetto acustico.
Il nome di orecchio di Dionisio le fu dato da Michelangelo Merisi, detto Caravaggio, il quale creò la leggenda che Dionisio tiranno di Siracusa, l'avesse fatta scavare apposta per rinchiudervi i prigionieri ed ascoltarne, senza essere visto, i discorsi.
La grotta ha veramente la forma di un orecchio ma è stato sicuramente il caso a volerlo.
Fra le versioni che cercano di spiegare la sua forma, ve n'è una veramente singolare, secondo la quale i Greci hanno voluto la forma, e per il fatto che la grotta circonda il teatro per 65 metri, rappresenterebbe la cassa armonica del teatro stesso (da notare che il mare del porto di Siracusa aiutava a portare in alto la voce degli attori, ah questi greci).
Comunque sia, l'Orecchio di Dionisio è meta di pellegrinaggio turistico ed è una curiosità molto ricercata a Siracusa.


armando.carruba@email.it

VULISSI AMURI Armando Carruba



Vulissi 'ssiri
ciusciuni 'i ventu
stasira...
ciciuliariti paroli
d'amuri.
Ventu pp'abbrazzariti
ogni mumentu
ddo' jornu

martedì 14 giugno 2016

TU di Armando Carruba


Tu amuri miu
comu ciusciuni 'i ventu
cummogghi
'i me' stanchi pinzeri
e porti l'arma mia
'nté to' sonni giuiusi

Tu e sulu tu...
amuri miu
'ntà 'sta notti janca
fai ballari 'u me' cori
e arrusbigghi fantasii
addurmisciuti

Tu e sulu tu...
ssì 'u primu pinzeru
dda' matina
e l'ultimu 'i 'na sira
ca nun vidi l'ura
d'addumari i riordi

Tu e sulu tu...
si prisenti, passatu
e futuru
di 'na vita sunnata
ccu occhi 'i picciriddi
assitati d'amuri.

Armando Carruba (14.6.2016) 

TIRITERA

TIRITERA
Carta ammenzu a lu mazzu
pigghiami e jocami a muzzu
vecchia comu 'na pezza
cc'è cu' m'ammutta e m'ammazza
Carta in mezzo al mazzo
prendimi e giocami a casaccio
vecchia come una pezza
c'è chi mi spinge e m'ammazza

domenica 12 giugno 2016

AL PROF. ARTURO MESSINA di Armando Carruba


Il 13 giugno 2015 ci lasciava all'età di 86 anni, il noto dialettologo prof. Arturo Messina per proseguire il cammino nella Fede. 
Conosciutissimo in città e amato dai teatranti che ad ogni spettacolo attendevano la sua recenzione sul quotidiano cittadino Libertà.
Il suo sorriso era coinvolgente e riusciva a colorare una giornata grigia. E' passato un anno ma il suo ricordo è sempre vivo in chi - come me - ha avuto la fortuna di conoscerlo.

    'U mastru di li mastri ssì 'u mastru
canusciri tu sai 'u dialettu
'na vita spinnuta comu si scrivi
chiddu ca 'a nostra parola dici 

E quanti discussioni prufissuri
ppi farimi canciari opinioni
ca nun c'era propriu nenti 'i fari
ognunu si tineva i sò peni

A tò grammatica si fici granni
ed è liggiuta a tutti i banni
mi cci mittisti macari a mia
pp'impegnu, dicisti e fantasia

E i tiatranti sarausani
sapevanu c'appoi 'ntò  giurnali
liggevanu sempri beni di tutti
macari ccu aveva curta 'a parti

T'immaginu parrari di tiatru
cu chiddi ca t'hanu pricidutu
piccatu, e sugnu ora sinceru,
ca nun leggiu 'i tò scritti ddò celu

Armando Carruba (27.6.2015)

SIRA di Armando Carruba

SIRA

Mentri respiru amuri,
tra 'u ciuciuliari ddo' mari
e martiddiari di cori,
si va pittannu
'u celu.

Mentri accarizzu
riordi 'i jurnata
aspettu cuntentu
ca veni ccu mia

Mentri ccu ducizza
ballanu l'unni
'o calari dda' sira
penzu a Tia...

Armando Carruba


MAMMA LI TURCHI di Piero Carbone

n-silenziu si l’agghiutti
Mamma, li turchi su junti a la marina,
 cantava anticamenti la canzuna.
Scinnivanu ccu armi e scimitarri.
Sbarcavanu arraggiati comu cani.
Ora arrivanu di notti a l’ammucciuni,
 ammunziddrati n-capu li varcuna.
 Parinu lapi, lapi appizzati
 a na vrisca di feli ncatinati.
L’acqua l’annaculìa. Mancianu luna.
Chinu lu cori ma muorti di fami
. A Puortu Palu c’è cu và,
cu và a Pachinu, a Lampedusa,
 o puru cchiù luntanu.
Nuddru li vidi, nuddru li scummatti
, pirchì lu mari n-silenziu si l’aggliutti.

Mamma, li turchi/son giunti alla marina,/ cantava anticamente/la canzone./ Scendevano con armi/e scimitarre./ Sbarcavano arrabbiati/ come cani./Ora arrivano di notte/ di nascosto,/ ammassati/ sopra i barconi./ Sembrano api, api/ attaccate/ a un favo di miele/ incatenate./ L’acqua li dondola./ Mangiano luna./ Pieno il cuore/ma morti di fame./A Porto Palo c’è chi va,/chi va a Pachino,/a Lampedusa, oppure/ più lontano./Nessuno li vede,/ nessuno li cerca,/ perché in silenzio/il mare se li inghiotte

sabato 11 giugno 2016

'NTRA' 'I NUVULI Armando Carruba



'Ntrà nuvuli e luna
c'è 'u paradisu
quannu ssì ccu mia.
Spurugghia 'sta matassa
'i sentimenti
attaccati 'o me' cori
rialami 'n surrisu
pp''stutari 
'sta siti d'amuri
ppi tia...
Dumani è nautru jornu
e ju 'u miu
l'aspettu ancora:
oi, dumani, sempri.
'A luna ridi 
ascutannu 'a storia
d'amuri e puisia
ca nun finisci mai.

Armando Carruba (11.6.2016)

SIRACUSANITA' - Armando Carruba -


SIRACUSANITA’
Siracusanità! Se mettiamo putacaso che vi si spara a morti subitanea la domanda: Cos’è la siracusanità? O si ci arresta con un palmo di naso o puramente si cerca di trovare un’accozzaglia di parole che messe insieme possono rendere un’idea  anche vaga della siracusanità.
Ma se al contrario vi si lascia un certo lasso di tempo per la risposta, allora si sentiranno certamente delle cose interessanti anche perché ognuno di noi ha un concetto tutto suo personale sulla siracusanità
Siracusanità è ovvio che vuol dire amore per questa città, un amore incondizionato e cioè accettare tutto anche le brutture, i difetti, le carenze; anche se accettare non vuol necessariamente dire condividere, ma nemmeno fare ‘u piulu e chiancirici ‘i supra!
Siracusanità vuol dire coinvolgere gli altri che ci stanno vicini: amici, conoscenti, gente incontrata per caso, su discorsi inerenti Siracusa (più se ne parla e meglio è) su com’è, come potrebbe essere in un futuro speriamo prossimo, far sì che se tutti noi portiamo un contributo, seppur piccolo, questa città comincerà a cambiare.
Certo nessuno scopre la carta vetrata, non sono sempre rose e fiori a volte anche cavolacci amari! Prendere un posto di lavoro oggi è come vincere il totocalcio, mentre appena quarant’anni fa, le cose andavano bene, il lavoro assorbiva tutti quelli che avevano voglia di lavorare; ed essendoci lavoro per tutti la differenza c’era  e oggi in periodo di piena crisi si nota.
Siracusanità è desiderare (perché oggi più che un desiderio è diventato un sogno) trovare un posto di lavoro a Siracusa e non doverlo inseguire tra le nebbie del nord.
Siracusanità è desiderare di veder finalmente decollare questa città che ha tutte le carte in regola per volare ma che inspiegabilmente è imbrigliata nelle maglie tese da politici di turno che all’ora delle elezioni promettono mari e monti, e che una volta assittati forse si accorgono che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare o che si è bravi nella propria professione ma pessimi amministratori, oppure pensano tra se e se:Ma si a Sarausa nun c’hanu pinzatu chiddi ca c’havunu ‘a pinzari, pirchì c’avissi a pinzari ju? E assittati eranu e assittati arrestunu sinu a quannu ‘a sorti l’aiuta.
Siracusanità è il non dimenticare le tradizioni, i costumi, la storia di questa città, ma approfondirla giorno dopo giorno e accorgersi d’amarla sempre più!
                                                                                                                        

CARO AMICO TI SCRIVO. . . Armando Carruba




Buon pomeriggio! E semu puntati anche per questa sera con la partita che se non sbaglio è Inghilterra - Russia e docu! Io per sì e per no mi sono preso la libertà di una bella pizza con le acciughe alivi niure (si ficiru l'abbronzatura) una vaschetta di patatine con checiapp o comu si scrivi scrivi basta che si mancia e cola coca a tinchitè da farmi spuntare le bollicine in bocca! Vince l'Inghilterra? e chi se ne frega??? Vince la Russia? e chi se ne futte??? Cu vince vince abbasta ca c'è a paci, ca nun si nni potti cchiù ccu 'sti picciotti che stanu armannu tutta 'sta cumedia! Appoi se le forze dell'ordine 'mpicchianu boni boni nun fanu bonu? appoi chi diciti? State saggi se potete, sennò vedetevi la partita in tivvù e nun ssi nni parra cchiù. Un saluto circolare a tutti i miei amici e a tutti chiddi ca leggiunu e non vi pigghiate di colira che il Presidente del Consiglio Renzi ha detto che favorirà di molto gli investimenti al SUD e quannu dice una parola iddu è parola di Re... Favorirà gli investimenti al SUD sissignore.... leva i semafori chi vi pare?

Aufridersenne 


giovedì 9 giugno 2016

W L'ESTATE di Armando Carruba

ESTATE - Don Severino Di Mauro e Capitan Siringo.

Estate, tempi 'i mare, quannu si parla dell'estate sarausana, viene in mente questa città con le sue isole: il mare azzurro, patruni, magico.
E tornano alla mente personaggi 'ill'epoca! Sulla scogliera di levante, Don Severino Di Mauro piantava le baracche del suo Nettuno. Vi si accedeva dallo "spiazzu dei rispirati" scendendo una scala di legno, "leva e metti". Le gare natatorie avevano come traguardo la prospiciente "isola dei cani".
Nell'isola Sacramento, le cabine installate su palafitte dai barcacceri si raggiungevano col traghetto Stella partendo dalla Marina: pilota il capitano Sebastiano Siringo, traccagnotto, buono come il pane amante del mare. Aveva trasformato una barcaccia in un vaporetto: il motore collocato nella stiva, azionato da caldaia a carbone. Col fumaiolo corto e grosso, quell'ampia chiatta, riparata da fumo e sole con un telone grezzo, traversava tutto il porto facendo va e vieni dal sacramento. A bordo, un nipote del Siringo, un mattacchione, che dopo aver pizzicato il biglietto ai passeggeri, allietava il viaggio modulando canzoni in voga con suoni di pernacchie come una cornetta: motivo di risate schiette. Poi l'esilarante ordine del capitano al macchinista per l'attracco: "Avanti adacio... adacio... quasi 'ndietro" divenuto una leggenda! Oggi, tempo di bagni è tempo di fatica: code automobilistiche, spiagge lontane precedute da bagni di sudore, nervi a pezzi.... Manca l'allegria... ecco: andare a mare una volta era ALLEGRIA

IO E TE di Armando Carruba





                                                   Noi due
come ragazzini innamorati mandiamo cuoricini figli del nostro cuore che batte d'amore
Noi due tu ed io e nessuno più mandiamo bacetti figli dei nostri desideri sempre più forti
Noi due amore mio dolcissimo siamo l'infinito voluto dal destino nel nostro cammino
Noi due amore solo noi due.

Armando Carruba