lunedì 21 agosto 2017

MADUNNUZZA CA CHIANCISTI A SARAUSA di Armando Carruba


Avvenne a Siracusa ben 64 anni fa....
MADUNNUZZA CA CHIANCISTI A SARAUSA
Era u' 1953 quannu ha chianciutu a Madunnina; un quatru di jissu accattatu o' rittifilu (Corso Umberto I) ppi 3.500 liri 'ntò signor Floresta, ppi 'ssiri 'rrialatu a Angilu Iannusu e Nina Giustu ca si spusavanu o' Pantheon 'u 21 marzu 1953.
La sira ddo' 28 austu, Angilu e Antunina ssi nni jeru a vidiri un film all'Arena Progresso, ca si truvava vicinu casa quasi attagghiu 'o passaggiu a liveddu da via Bonriposo (via Piave).
Turnati a casa dopu c'avianu manciatu un muzzicuni si nni jeru a curcari.
Versu i tri di notti, Antunina si 'ntisi mali, era sabbatu, Angilu ssi nn'hav'agghiri 'a puzzu 'ngigneri (Piazzale Marconi) ppi putiri travagghiari; a so' casa lassa a so' cugnata ppi farici cumpagnia a mugghieri ca già si sinteva mali.
U restu è cosa saputa! tanti omini... tanti personaggi abballanu 'nta storia da Madonnina: da patri Brunu parrucu ddo' Pantheon, all'arciviscuvu Baranzini, dda famigghia Lucca ca metti a disposizioni u villinu di faccia casa Iannusu ppi sicurezza ddo' quatru, 'o tinenti culunellu dde' carrabbineri Lazzaru Panatu responsabili dda' sicurezza ddo' quatru 'ntò tragittu via degli Orti ccu piazza Euripidi, e poi i duttura ca hanu analizzatu 'sti lacrimi: Roberto Bertin analista della Squibb, Mariu Marletta ca era medicu pruvinciali omu religiosissimo e so' mugghieri macari, Francesco Cotzia ca furriava Sarausa Sarausa a cavaddu di 'na motu americana, Leopoldo La Rosa, e u capu dda' commissione medica u dutturi Micheli Cassola, esempiu di omu onestu e positivu!
Era ateo u dutturi Cassola e ateo ristò dopu ca dissi che i lacrimi dda' Madunnina eranu veri.
Eccu, 'sti quattri versi ssu dedicati all'omu Cassola, ca nun haju mai canusciutu, ca 'ntò 1973 ppi Pasqua, vasannu u reliquariu dda Madunnina caci purtò mons. Migliorisi, muriu mentri i campani sunavunu 'a gioia dda' Resurrezioni.

Ascutati ccu voli ascutari
pristatimi anticchia d'attinzioni
a Sarausa successi st'eventu
dda' Madonna vi cuntu lu chiantu

Un quatru di jssu arrialatu
ad Antonina Giustu e maritu
'u Cori Mmaculatu di Maria,
lu vintinovi austu chiancìa.

Ddu jornu propriu di primu matinu
lu Angilu Iannusu si suseva
ca si nun jeva 'a puzzu 'ngignieri
nun truvava nenti 'i travagghiari

cchi ni sapeva 'stu travagghiaturi
zoccu capitava 'a la mugghieri
ca la lassò a casa cché duluri
dopu 'na nuttata di piniari.

Ccu idda c'era Razia la cugnata
e macari la sò zia Sgarlata
quannu taliannu supra di lu lettu
lacrimi scinnianu 'ntà l'asciuttu.

Era la Madunnina ca chianceva
e idda mai mai ci crideva
pirchissu a li ddu donni dumannò
su era veru oppuri sunnò.

Angilu turnannu i travagghiari
dopu 'na jurnata di suduri
quannu fu juntu all'aviazioni
lu firmò un parenti ppi parrari

e ci dissi: "Angilu nun ti scantari
ca na nutizia t'haju a dari
dopu ca ti nni jsti stamatina
lacrimò 'u quatru ddà Madunnina"

Intisi firriarisi 'a mirudda
quannu visti asò casa ddà fudda
ci dumannò lestu 'o brigaderi
di fari sciri fora li cristiani

Intantu la notizia di lu chiantu
fici u giru 'i tuttu u munnu
u Cori Mmacculatu di Maria,
miraculi a genti già facìa!

Lu primu sittembri ddò cinquantatrì
all'unnici i matina martedì
na cummissioni medica valenti
liquido pigghiò ddò quatru chiancenti.

Tra li duttura esaminatori
c'è macari ccu a Diu nun cridi
era l'onestu medicu Cassola
dissi ca veru ccò quatru chianceva

e a ccù ci spiò comu puteva
nun cridiri ma intantu dichiarava
la viritati supra 'stu gran chiantu
iddu rispunnìu 'nta mumentu

Nun è giustu ammatula parrari
lu fausu, ma la virità diri
ju mi trovu 'ntà muru senza porta
cridu sulu all'attu di la scenza.

Lu sabatu santu ddò sittantatrì
fu nu gran jornu e ti dicu pirchì
lu Cassola dopu tantu piniari
l'anima a Diu jeva a dari...

e la sò porta la truvò aperta
ca Diu a tutti pari aspetta
lu dutturi fineva di campari
a Pasqua ccò sonu dde' campani.

Ccu l'aiutu di li devoti tutti
nichi, granni, vecchi e picciriddi
nu Santuariu fu realizzatu
ora è ddà da tutti ammiratu.

La sira è lucenti 'ntò celu
la Madunuzza cu lu beddu velu
ca la fici lu mastru Caldarella
'o scuru brilla cchiù d'una stidda

Pirchì chiancisti Madunnuzza bedda
a via degli Orti 'ntà ddà casudda?
pirchì chiancisti Cori Mmaculatu?
dimmillu lu pirchì hai chianciutu.

Armando Carruba

sabato 19 agosto 2017

MILOCCA di Armando Carruba

MILOCCA

Milocca mia, naca sì d'amuri,
splinnenti sutta 'n suli zicchinu;
paisi di li robbi, ssì 'n jardinu
c'abbunna mennuli sempri 'n ciuri.

Lu campanaru di la chiesa matri,
cunta la storia ddo' tempu ca passa,
a balata dde' Caduti 'n chiazza
di picciotti morti ppì l'Italia tutta.

Tu paisi miu, ssì 'nto' me' cori
e cci resti 'nzinu ca Diu voli,
a me' patri ci dasti 'i natali
a mia m''mparasti a campari.

Ssì dura è 'a vita ddo' viddanu
travagghiari cu la zappa 'n manu
pirchissu ca valiggi 'i cartuni
accattaru picciotti ppì partiri.

Ssì nni jeru 'ntà nautru cuntinenti
ca 'sta terra nun offri propriu nenti,
paroli 'o ventu, disoccupazioni
picca e nenti ppi cu famigghia teni.

Parteru ccu la risata 'n vucca,
lassannu mugghieri e nicu 'nvrazza,
e 'u paisi casatu ddo' suli
ssì nni jeru spirannu 'i turnari.

Cchiù facili partiri o ristari?
A 'sta dumanna nun sacciu cchi diri!
I milucchisi, simenza 'nto' munnu
hanu ppi 'sta terra 'n amuri prufunnu...

Pirchì nascisti ccà, nun tu scurdari
e si na vota l'annu po' turnari
ppa' festa 'i San Antoniu Abati,
ca è propriu 'nt'austu 'nta' estati.

E sunu già centuvintunu anni
ca 'sta festa va sempri avanti
oi, cchiù d'aeri, ti fa 'ncuntrari
milucchisi e macari furasteri.

A la finuta ddo' jocu 'i focu,
ognunu si nni torna a lu so' locu,
resta Milocca 'o chiaru 'i luna
duci paisi, c'amuri ni duna...

Armando Carruba

A ME' MATRI di Filippo Bozzali



A ME' MATRI poesia dialettale siciliana di Filippo Bozzali

dicitore: Armando Carruba

venerdì 18 agosto 2017

SITI D'AMURI di Amando Carruba



SITI D'AMURI

Erutu china 'i cuntintizza
e ballavutu
cco' cantu ddo' mari
c'abbrazzava 
scogghi.

Stinnicchiatu 'ntà rina
taliavu disignari
la me' picciuttanza
lassata 'na ddu mari
sarausanu.

Balla, bedda picciotta
nun sempri 'u mari canta
a li stiddi...
Dumani è nautru jorna
oi è festa!

Armando Carruba
     

MANGIAR SICILIANO - Armando Carruba -

PUPPI 'NTA SALSA 'I CHIAPPIRA
'Ngridienti ppi quattru cumpari:
* 1 kg di puppu
* 100 gr di chiàppira salata
* un ciuffu 'i putrusinu
* 'na para 'i limuni
* ogghiu d'aliva
* spezzi a.b.

Lavari e bùgghiri i puppa, poi lassàrili dintra l'acqua da bugghitura pi 'na vintina 'i minuti. cummigghiati.
'Nto tijaneddu méttiri a bùgghiri 'a chiàppira e poi fàrila sculari; tritari finu 'u putrusinu.
Métturi 'ntà 'na tirrina 'na bedda picca d'ogghiu e sucu di limuni, juncìricci 'u putrusinu e bàttiri tuttu assemi, poi 'rriminàricci 'a chiappira.
Tagghiari a pizzudditta i puppa e dopu avìrili 'rriminati assai 'ntò cumpostu priparatu, lassàrili marinari.
Sérviri friddu, dopo quasi du' uri, e cu 'na bona spurvirata di spezzi.
ppi ccu è sciarriatu cco' sicilianu:
per chi è litigato con il siciliano:
POLPI IN SALSA DI CAPPERI
Ingredienti per 4 persone:
* 1 kg di polpi
* 100 gr di capperi salati
* un ciuffo di prezzemolo
* un paio di limoni
* olio d'oliva
* pepe q.b.
Lavare e bollire i polpi, poi lasciarli dentro l'acqua della bollitura per circa venti minuti coperchiati.
In un tegamino mettere a bollire i capperi e poi lasciarli scolare; tritate fine il prezzemolo.
Versare in una terrina un bel pò d'olio e succo di limone, aggiungendovi il prezzemolo e battere tutto assieme, poi mescolarvi i capperi.
Tagliare a pezzetti i polpi e, dopo averli rimestati assai nell'impasto preparato, lasciarli marinare.
Servire freddo, dopo circa due ore, e con una buona spolverata di pepe.

lunedì 14 agosto 2017

CHI TI CUNTU E CHI TI DICU .... Armando Carruba



Che la cosa resta tra nuautri: per ferragosto, se posso dare un consiglio RESTATE A CASA!!! Esperienza amici.. esperienza!!!
Cinque anni fa, la mia signora aveva organizzato un bellissimo ferragosto "che solo noi dobbiamo restare a casa?" "tutti vanno a mare... al ristorante con i piedi sotto il tavolo e noi... sig sig sob sob" e tu chi dici che non facevamo il ferragosto fuori, dopo che se lo fanno anche, se permetti, quelli che non se lo possono permettere, senza offesa?!
Dopo avere messo tutto in macchina (stavolta niente pasta al forno puppette e cutulette etc dovevamo andare al ristorante) io alla guida, mia moglie a lato, i ragazzi dietro siamo partiti con la partenza intelligente che consiste d'anticipare mezz'ora la partenza per non trovare trafico per la strada. Partenza con ciuri ciuri, vitti na crozza e accompagnamento di canzoni napoletani che uscivano dallo ciddì.. e fu dopo core 'ngrato che alla mia signora ci venne il dubbio se fosse stata chiusa la bombola ca puteva scuppiari a casa!!! Per levare l'acqua ddo' scogghiu u picciriddu disse sì chiusa chiusa era! Finito questo dubbio alla mia signora altro dubbio: se fosse stata chiusa la finestra del bagno perchè si sa che i ladri entrano da lì'... e docu la vacanza da tranquilla e spensierata incominciò a quastarisi, mentre u picciriddu ppi mettiri paci - gioia miu do' papà - disse che era chiusa! (e mi scacciò l'occhiu!) Siamo arrivati sulla strada del mare e abbiamo notato che siamo tutti intelligenti, tutti in strada con la strada intasata e quando siamo arrivati a mare non ti conto e non ti dico!!! Nun c'era posto per azziccare l'ombrellone e neanche per stendere l'asciugamano non dico del mare ma manco quello del bidè! A malappena addritta comu i masculini (per l'amica Ester da La Spezia i masculini sono un tipo di pesce). All'una cioè alle 13 tutti al ristorante!!! Comu? ristorante???? a ferragosto??? dda' pasta era colla d'ampicchiare nelle mura... il pesce fresco era finito anche quello che di fresco aveva soltanto la caratteristica di essere uscito dal frigorifero. In sostanza, per farla corta pasta che neanche nelle caserme, e cotolette dure ma dure di carne di bufalo residuo del farwest ma in compenso il conto era come se avessimo mangiato pesce fresco nel giorno di festa!
A questo punto, la ragione avrebbe dovuto far ragionare un ritorno a casa... alla maison... ma quannu mai? alla moglie gli viene la felice idea di andare a trovare degli amici a Fontane Bianche che hanno subaffittato una stanza in una villetta e ci vivono in 12!!! ca mancu i clandestini! Arriviamo alla villetta, presentazioni, sorrisi e all'ultimo dopo tre ore di conversazione alla signora ci viene l'idea di mangiare la pizza! 12 loro e 4 noi = 16 pizze tutte diverse una dall'altra margherita, margherita con funghi, calzone, capricciosa etc etc e bibite idem aranciata, coca cola, birra.... Siamo andati a Cassibile che è possibile andarci in automobile e il pizzaiolo fa le pizze e consegna le bibite... 
Risultato le pizze impicchiamdosi tra di loro non si capì chi era il calzone e chi la margherita da calde arrivarono fredde a contatto con le bibite che immancabilmente arrivarono calde.
Dopo quest'altra pensata, alla mia signora stava venendo un'altra idea ma l'ho fulminata cull'occhie ci siamo messi in colonna per il ritorno... a passo di formica e tutti muti e zitti nella macchina... Arrivati a casa sorpresa!!! e che sorpresa!!! Abbiamo avuto visite! sì dalla finestra aperta del bagno, perchè mentre tutti si divertono c'è una categoria che lavora a svaligiare case... Ma giuro sulla tomba di Arturo che mangiava pane duro ca a mia a mare ppi ferragosto non mi vedrà mai nessuno! Buon ferragosto! Io sto in città

sabato 12 agosto 2017

VECCHIU di Armando Carruba


                                                    GROTTA DEI CORDAI - Siracusa -




VECCHIU

Vecchiu ca talìi 'a vita senza 'nvidia
e camini arreri comu 'u curdaru
arricogghi 'u scantu d''n dumani

Ti riordi picciriddu,
carusu, omu filici e 'nnamuratu
maritu, e oggi sulu.

Ma è 'a vita ca ti pigghia 'a manu
e ti porta luntanu
nun ssì sulu

Riordi, passiuni, duluri, amuri
pinzeri dde' to' jorna
e ppi tutti 'a vita cuntinua

'U celu, 'u nostru celu azzurru
ca da' lustru 'a matinata
pigghialu e mettilu 'n sacchetta

Campa tranquillu vecchiu.

Armando Carruba 

'U CAFFITTERI Armando Carruba


MISTERI 'I 'NA VOTA

'U CAFITTERI

'Sta fiura 'a prima vota 'ncutrai quannu misu 'ntò cast dei NAVARRA di Vanni Pucci, prima ca si rapeva 'u sipariu si sinteva 'na vuci "Cafèèè cche' jornu!!!" Era 'u cafitteri, chiddu ca vinneva 'u cafè ppi strata, propriu di prima matina a ddi passanti c'ancuntrava.
Purtava 'ntò vrazzu sinistru un paneri ccu dui o tri tazzi, altrettanti cucchiarini e sigari fatti cche' pampini ddo' cavulu, mentri ccà manu 'n apparecchiu ca faceva da furneddu e caffittera, ca c'era un liquidu scuru 'u cafè consistenti da un infuso di orzu abbrustulitu.
Ccu vuci vascia appena si truvava vicinu a unu, vanniava: Cafitteri! Va pigghiativi 'u cafè!
Certuni, ancora pigghiati ddo' sonnu dumannavunu: 'N sordu 'i cafè!
'U cafitteri 'nta 'na tazzina passata per centinaia di mussa, versava il liquido e l'offriva 'o clienti, ca vivutu ccu piaciri e accattannu macari u sugarru ssi nni jeva tranquillu e soddisfattu.

armando carruba

venerdì 11 agosto 2017

CHI TI CUNTU E CHI TI DICU - Armando Carruba -

Carissimi amici miei, che cosa non vi debbo raccontare!!! Ieri sera, con la nasca all'aria per tutta la serata, non solo non ho visto mancu un briciola di stella cadere... ma per giunta, ho visto solo un cielo senza stelle botta di sale botta! E' possibile mia cara Annibale vedere un cielo senza stelle proprio la serata di S Lorenzo? ... Ho visto di sera le STELLE DI MEZZUJORNU avendo sbattuto il mignolo del piede in un comodino che comodamente si era messo in mezzo il mio percorso! Ho viste le vostre stelle, no le 5 stelle che sono tutt'altra cosa, le stelle intese i vostri desideri le vostre speranze... speranze... Ma dico, non lo sapete che chi di speranza campa disperato muore? Finiamola con i desideri e speranza che poi inesorabilmente qualcuno spazza via ... olio di gomiti e diamoci una mossa... Io mi votu e mi rivotu suspirannu 'ntò letto che caldo ragazzi bona jurnata ...

Aufridersenne ja?

MATA E GRIFONE Armando Carruba

MATA E GRIFONE
A Missina 'ntà 'sti jorna viditi circulari ppe' strati 'sti ddu giganti a cavaddu, sunu Mata e Grifone.
Duviti sapiri a Missina viveva 'na bedda picciotta c'aveva abbrazzatu 'a Fidi Cristiana, figghia dò re Cosimu II da Castellucciu. 'U so' nomi Marta ca 'ntò nostru dialettu si dici Matta o Mata. Versu 'u 970 d.C. 'u giganti niuru Hassan Ibn-Hammar, sbarcò a Missina cca so' ciurma 'i pirati e 'ncuminciò a distruggiri 'nté terri unni passava. 'N jornu 'stu niuru alluzzò 'sta bedda picciotta e perdi i sintimenti, 'a dumanna ppi mugghieri ma havi ppi risposta 'na negativa. A 'stu puntu 'u pirata s''ncazzò e cuminciò a ammazzari e rubbari chiussai di prima. 'U patri e a matri di Mata, scantati di 'sta cosa, ammucciarunu a picciotta, ma 'u sdisonestu niuru riniscìu a pigghiarasilla cca spiranza 'i cunvincilla a maritallu. Mata, nun nni vuleva sapiri, truvannu 'ntà prijera 'a forza 'i suppurtari 'stu niuru accupusu.
Iddu ppi dimustrari 'u so' amuri si fa cristianu e Mata cunvinta su marita.
Ppi sapillu: A tradizioni voli ca foru iddi a fundari Missina e ogni anno all'avvicinarisi ddo' chinnici austu nesciunu ppe' strati i Missina...

giovedì 10 agosto 2017

(10 AUSTU) LACRIMI DI CELU di Orazio Minnella

(10 AUSTU) LACRIMI DI CELU
Stanotti chianci lacrimi lu celu !
‘Na pitruliata di stiddi ‘nfucati
sputtusa a la ‘ntrasatta ‘n niuru velu
tracciannu ddà ‘nta l’aria li so’ strati.
Stanotti è chidda giusta pi lu zelu,
pi chiddi ca ci restunu alluciati
cuvannu ‘n disidderiu, e su’ rivelu
di l’armi e di li cori ‘nnamurati,
ma ‘nta ‘sta siritina di caluri,
pi cu’ è ca campa e soffri ‘ntra li stenti,
‘ddi stiddi nta lu celu su’ duluri,
su’ lacrimi chianciuti apertamenti
dintra lu scuru fittu senza curi
di cu’ arristau sulu e senza nenti.
Orazio Minnella
_______________________________
(10 Agosto) LACRIME DI CIELO
Stanotte piange lacrime il cielo !/Una gragnola di stelle infuocate/perfora all’improvviso un nero velo/tracciando la nell’aria le sue strade./Stanotte è quella giusta per lo zelo,/
Per quelli che rimangono abbagliati/covando un desiderio,e sono rivelazioni/ di anima e di cuori innamorati,/ma in questa sera di tanto calore,/per chi vive soffrendo fra gli stenti,/quelle stelle la in cielo son dolori,/son lacrime versate apertamente/la dentro il buio fitto senza cure/di chi è rimasto solo e senza niente.

mercoledì 9 agosto 2017

ANGOLO DEI POETI - Giuseppe Denaro (Turneddu) -

video
                                                        Dicitore l'attore Armando Carruba


GIUSEPPE DENARO (Catania 1886-Palermo 1972)
 Nella sua vita ebbe due passioni: il mare e la poesia siciliana.  In disaccordo con la famiglia che lo voleva un affermato professionista, preferì la carriera marittima. Dopo il diploma all’istituto nautico, si imbarcò come mozzo in una nave di proprietà della famiglia Martoglio, capitanata proprio dal giovane rampollo Nino. Fu in quel periodo che cominciò a coltivare la poesia Siciliana. I suoi primi componimenti furono imperniati tutti sull’amore. Partecipò in mare alle operazioni belliche durante la Prima guerra mondiale. Nel 1918 il poeta si sposa e si trasferisce definitivamente a Palermo. In questa città comincia a frequentare ambienti della letteratura dialettale siciliana. Quando nel 1925  deciderà di smettere con la navigazione, prenderà le redini del giornaletto dialettale “PO’ TU CUNTU”.  In poco tempo, questo periodico si trasformerà nell’organo di diffusione della poesia dialettale per eccellenza. Quasi tutti i poeti dialettali di Sicilia vi pubblicarono i loro componimenti; i critici fecero a gara per inserire  recensioni e opinioni circa le nuove tendenze della letteratura dialettale di quel periodo. Giuseppe Denaro dedicò interamente la sua vita e i suoi risparmi a periodico; scriveva, selezionava i lavori e si occupava perfino della stampa presso la tipografia. Spesso si firmava con lo pseudonimo di  “Turneddu”, in omaggio a “Turno” un giornalista che in un noto giornale a tiratura nazionale, pubblicava una fortunata rubrica di costume a quell’epoca molto seguita. Denaro, muore due giorni dopo l’uscita del 3 giugno 1972 del giornale. Proprio in quel numero, in una sua poesia diede l’addio alla vita e al suo giornale con i drammatici versi: “ Ma s’è distinu chi prestu murrai, muriremu abbrazzati tutti dui”.Nel corso della sua attività letteraria,
(dal Blog IL PRISMATICO)
LU CAMPANARU DI LU ME PAISI
Oh turri antica, rustica, mmastina,
gran sintinella di la nostra Chiana,
ti saluta lu suli a la matina
e l'Etna ti vasa a la luntana.
Quanta storia, a la menti mia mischina,
tu ci richiami d'epuca luntana,
arabi, turchi, svevi e la scintina
razza francisa di funesta fama.
Quanti battagghi, quanti tradimenti...
di sangu ni vidisti ciumi chini,
di li straneri e di sicana genti.
Ma vardannu li populi caini,
si soni a mortu, dici indifferenti:
"V'aspettu a tutti!... pugnu d'assassini!"
Giuseppe Denaro

martedì 8 agosto 2017

'U SULI, 'U TRAVAGGHIU E L'AMURI di Armando Carruba

'U SULI, 'U TRAVAGGHIU E L'AMURI

'U travagghiu
nun canta cchiù a Priolu,
e i picciotti 'a sira
cuntunu maruna
sutta 'n celu senza stiddi.
Nun si toccunu
'i sonna
chini 'i spiranza
ppi na vita sicura
cco' travagghiu ca paja.
Nun si tocca l'amuri
ca senza travagghiu
mori 'nto cori,
annjatu ogni jornu
'nta 'n chiantu mutu.
'U suli ridi sulu a passareddi
ca ppi nidu
hanu 'n passu d'omu
dda' culonna.
Cunzatila a festa
l'innustria a Priolu,
comu na vota...
quannu 'u suli
traseva 'nte casi
e cimineri fumanti
cuntavanu 'o celu
'a cuntintizza di genti
ca nun accattaru valiggi.

Armando Carruba


IL SOLE, IL LAVORO E L'AMORE - Il lavoro/ non canta più a Priolo/ e i giovani la sera/contano mattonelle/ sotto un cielo senza stelle./ Non si toccano/ i sogni/ pieni di speranza/ per una vita sicura/ con il lavoro che paga./ Non si tocca l'amore/ che senza lavoro/ muore nel cuore/ annegato ogni giorno/ in un pianto muto/ Il sole ride soltanto a uccelletti/ che per nido/ hanno un passo d'uomo/ della colonna./ Preparatela a festa/ l'industria a Priolo/ come una volta.../ quando il sole/ entrava nelle case/ e ciminiere fumanti/cantavano al cielo/ la contentezza di gente che non comprarono valigie.

SITI D'AMURI Armando Carruba




SITI D`AMURI

Alleggiu Alleggiu `u scuru mori
lassannu `u mari ddo` tempu
abbrazzatu `o sò duluri

Alleggiu alleggiu pitta
`ntà tila dda` vita
`n cori novu pigghia ciatu

Alleggiu alleggiu nasci `n amuri
senti a jurnata ca ti pigghia
e ti fa ballari `a tarantella

Armando Carruba

CHI TI CUNTU E CHI TI DICU Armando Carruba



CHI TI CUNTU E CHI TI DICU
Matri, matri matri e MATRIIII ! Chi cauru picciotti 'e setti raricuna! Ju staju facennu, trasi e nesci ddo' mari, ma macari l'acqua i mari, nun sulu è salata ma macari broru 'i puppu! Sto sperimentando un sistema suggeritomi da n'amica mia, famosa teatrante sarausana. Che cosa? che cosa? stati schizzannu o stati abbabbiannu? La suddetta mi ha detto: Appena arrivi a casa, fai 'na cosa intralligenti! Pigghia a scatola della tachipirina, la rapi e metti una pinnula in ogni stanza mi raccumannu!... E chi succedi? - sorge spontanea la dumanna- CON LA TACHIPIRINA S'ABBASSA LA TEMPERATURA  Aufridersenne !

lunedì 7 agosto 2017

COSI' E' SE VI PARE Armando Carruba

COSI' E' SE VI PARE...
Amici, così scriveva il grande Pirandello! Certo che la vita quotidiana ti mette sempre di fronte a dei rompi-aaazzz si proprio loro! Ieri matina, per fare un esempio, a piazza S Lucia Siracusa, il solito mercatino domenicale. Alla bancarella del libro usato, un ex dott. della SINCAT uno di chiddi ca.. l'hai presente la chiattidda? Lui molto ma molto di più! Aveva attraccato alla bancarella e con un libro in mano ci levava la vita alla signora che li vendeva... Prima si cuntò i paggini (ddu voti comu i ddu gg) anzamai ni mancava una! etc etc alla fine domandò il prezzo (era 1 euro e mezzo) l'ha pagato dopu tri uri 1 euro e venti! Per non dire al supermercato quei tipi (devo dire più uomini che fimmini) che alla cassa mille domande alla ragazza/o "è in offerta?" "quando scade?" etc poi all'ora di pagare nesci sordi spicci e se li cunta... - guarda caso sono in meno - e la cassiera che li conta pure lei, lo fa giustamente notare e via alla riconta... dopo che finìu 'stu matacinio, controllo con lo scontrino di tutto quello che ha accattato e la fila aumenta e aumenta e altre casse non aprono perchè il personale è in ferie!!!... Stamatina dal benzinaio, un giovane appena assunto e in prova cosicchè ti lava anche il vetro - cosa difficile ca mancu i marucchini lo fanno più! - Anche lì attraccù un rompi - aaazzz ! Dopo la benzina, controllo dell'olio del motore, del cambio e del differenziale, la pressione delle gomme, l'acqua del radiatore e del lavavetro, una pulitina ai fari anteriori e posteriori e verifica stato d'usura delle spazzole! E nuautri in fila ascutavumu Gigi D'Alessio... Non dirle mai che.... SCASSA - AAAZZZ quannu siti accussì... STATIVI A CASA !

martedì 1 agosto 2017

MARI di Concita Russo

video

Carissimi amici, tra le mani m'è capitato un libro di poesie di Concita Russo. Ricordo che mi fu regalato dalla poetessa catanese  in occasione di una piacevole serata di poesie in Ortigia a Siracusa circa una quindicina e forse più anni fa. I libri, special modo quelli di poesie, li leggo e li rileggo e stamattina fresca fresca ho registrato (artigianalmente s'intende) la poesia MARI. Buon 1° agosto a tutti

lunedì 31 luglio 2017

OMAGGIO A SIRACUSA di Ines Gugliotta



Un omaggio a Siracusa ascoltando la voce della mai dimenticata attrice aretusa Ines Gugliotta.

L'ANGOLO DEL POETA a cura di Armando Carruba


LA VURPI, LU RISIGNOLU, LA CICOGNA, E LU CORVU

Di Musica na Vurpi dilittanti
a un Risignolu cci dissi: Cumpari,
a tia li megghiu carni iu vogghiu dari
basta ca sempri a lu miu latu canti.
Rispusi 'na cicogna: sì 'gnuranti
si di la Vurpi ti lassi 'ngannari.
Un Corvu allura accuminciau a gridari:
No la criditi, amicu, ca è farfanti.
Non t'ingannu, la Vurpi rispunniu,
Senti... non è minzogna....'Un mi la fai,
dissi lu Risignolu, e si nni jiu.
Cu sta favula mia, si no lu sai,
ti avvertu: ca a stu Munnu, amicu miu
lu minzugnaru non è cridutu mai.

Giuseppe Marraffino 

domenica 30 luglio 2017

INDOVINELLO SICILIANO

INDOVINELLO ELLO ELLO
Susiti susiti 'sta cammisedda
quantu ti fazzu 'na piccola cosa
nun ti scantari ca ti trasi tisa
ca dumani agghiorni comu 'na rosa

(puntura)