sabato 13 maggio 2017

TRISTEZZA

Desiderio della tua voce
del dolce tuo viso
del tuo profumo
d'averti accanto...

Ah amara giovinezza
che gioca a rimpiattino
con i miei ricordi
che non si cancellano mai

Non so credere
quello che non voglio credere
il nostro amore
candido come colomba

La colomba divenne gabbianina
e volò per altri lidi
lasciando il suo gabbiano
su uno scoglio di ricordi...

Armando Carruba





'A SIRENA : Armando Greco, Pino Guarraci e Armando Carruba

video

lunedì 8 maggio 2017

CUCINA SICILIANA - armando carruba -



Cucina siciliana di mare
PESCE SPADA AL SALMORIGLIO
Ingredienti per 4 persone:
* 4 fette di pesce spada
* 1/2 bicchiere d'olio extravergine d'oliva
* 2 limoni
* origano
* sale
* pepe
Versate l'olio in una ciotola; aggiungete il succo del limone, una presa di sale, un pizzico d'origano, una spolverata di pepe e sbattete tutto con una forchetta, fino ad ottenere una salsina omogenea. Salate i tranci di pesce e arrostitele su una griglia rovente; poi trasferitele in un piatto di portata, irroratele con il salmoriglio e servite subito

sabato 6 maggio 2017

QUANTU E' BEDDU 'U MARI Armando Carruba



QUANTU E' BEDDU 'U MARI
Sutta 'n suli liuni
stinnicchiati 'ntà rina
cca' radiu tascabbili
ascutavumu canzuni
a funtani janchi...
'U mari 'i jornu
asciucava pinzeri
'i sira scutulava
'n annu 'i travagghiu
stritti abbrazzati
E 'u cumplessu sunava
'a nostra picciuttanza
spinnuta a funtani janchi
tutti i jorna
ppe' ferii d'austu
Armando Carruba
QUANTO E' BELLO IL MARE - Sotto un sole leone/ sdraiati sulla sabbia/con la radiolina tascabile/ ascoltavamo le canzoni/ a Fontane Bianche/ Il mare di giorno/ asciugava i pensieri/ e di sera scrollava/ un anno di lavoro/ stretti abbracciati/ E il complesso suonava/ la nostra gioventù/ spesa a Fontane Bianche/ tutti i giorni/ per le ferie d'agosto.

venerdì 5 maggio 2017

CHE COSA NOPN VI DEBBO RACCONTARE ! Armando Carruba



Carissimi amici, che cosa non vi debbo raccontare!!! Dovete sapere che dopo aver pranzato e preso il caffè che si chiama caffè e non ciofeca, vado - come penso tutti i pensionati - a farmi la pennichella. Sì pensionati, lo confesso! Quando lavoravo dopo aver pranzato chiudevamo la porta dell'ufficio (TUTTI D'ACCORDO) e nni facevumu 20 minuti 20 di sonnellino. Permettetemi che adesso pensionato godo di questo mio privilegio per farmi una meravigliosa PENNICHELLA? Sì ma non c'è più il piacere di una volta! Una volta porta chiusa e testa sulla scrivania c'era u scantu che da un momento all'altro il capo traseva e allora dovevi essere lesto ad alzare la testa e a darti un tono alla faccia 'npagghiazzata. Oggi no! Ma mi ci vuole lo stimolo e quindi.... ADDUMO LA TV! Canale 5 ti becco UOMINI E DONNE OVER! Noooo non me lo vedo ma lo sento per conciliarmi il sonnellino! Ma qualcosa vuoi o non vuoi la vedi e allora? Ma a Maria De Filippi e autori vari ma chi ci pari che siamo scemi? E' chiaro ed evidente che c'è tutto un copione e una regia! Ma quale ricerca dell'AMOOORE? unni quannu comu? Per non parlare di Gemma! ancora il programma scommette su di lei??? Giorgio, capelli lunghi, faccia i cambiala scaduta, ma credete ancora che noi crediamo? Ma quannu mai??? TUTTI FALSI ... vi prego mettete almeno sul 34 il cabaret cosicchè cambio canale che questo cabaret di uomini e donne... mancu 'ntà parrocchia!!! Si vede che è tutta finzione, solo voi non ve ne accorgete! Buon pranzo amici BUON PRANZO :-)

giovedì 4 maggio 2017

COSI' E' SE VI PARE... armando carruba



Carissimi amici, vedendo questa foto, per un attimo mi sono soffermato a pensare al palazzo delle poste!!! Quannu c'era 'na notizia da dare a morti subitanea, o auguri di matrimonio, condoglianze etc. e 'u telefunu era 'ntà menti 'i Diu, oggi si trovanu macari 'ntè fustini di Olà e lo sporco se ne và! Dicevu ca quannu succideva 'na cosa di chista, a nuautri carusi cche' scoli auti - a Enna - ni mannavunu a fari u telegramma! Mi raccumannu menu di 15 paroli manzinò si paja un papuri di sordi ma d'ev'essere bello bello bello. Ppé condoglianze ccu "sentite condoglianze" o "uniti al tuo dolore" macari si uniti ... due parole in più, na scapputtavumu, ma il matrimonio? Allura si decideva la frase "uniti per sempre!" perchè il "Voletevi bene oggi più di ieri e meno di domani" si pirdeva u cuntu! Poi di corsa s'andava alle poste, comu? cca machina??? A PEDI! A CAVALLO DELLE SCARPE! All'entrata c'era lo scrittoio con penne cchè pinnini rutti e calamai cull'inchiostru. Tri uri ppi scriviri e dopo avere pagato si tornava a casa.... U 
sacciu era traficusu ma vuliti mettiri un telegramma letto al pranzo degli sposi e letto a sala china e un anonimo vuoto sms ccu centu paroli ma chi nuddu ascuta o conserva a ricordo?

SARAUSANA JE' - ARMANDO CARRUBA -



'A città rireva
ca Lucia passava
e tuttu si pittava
di culuri novi

Li fimmineddi nostri
ccu passi giuiusi
portavanu amurusi
li riliquii Santi

Lu tridici dicembri
è sempri granni festa
la banna ch'era 'n testa
sunava l'innu sò

E tu Santa Lucia
taliavutu 'sta genti
e ccu passu eleganti
arrivasti a' chiazza tò.


Armando Carruba

SARAUSANA JE' Armando Carruba

SARAUSANA JE'

Domenica è una festa di popolo. Un'occasione per riaffermare i temi cari alla dottrina sociale della Chiesa. Santa Lucia di maggio che ricorda il prodigio avvenuto nell'anno calamitoso a causa di una grave carestia, il 1646 quando in città c'era scarsissima disponibilità di carne e grano: Siracusa era allo stremo. Nel mese di maggio, Mentre la cattedrale era gremita per la Messa solenne, una colomba aleggio' nel tempio tre o quattro volte finchè si posò sul soglio del vescovo. In quell'istamte nel porto giunsero navi cariche di grano e di legumi. Fu fatto voto dal Senato e dal popolo che ogni anno nella prima domenica di maggio, il simulacro di S.Lucia venisse trasportato in processione. Sono molte le persone in città e provincia che vivono uno stato di disagio: dalla povertà materiale, al disagio psichico; malati e anziani soli, fratelli diversamente abili, immigrati e barboni. La comunità ecclesiale e la società civile non possono chiudere gli occhi e il cuore davanti a tanta sofferenza.

mercoledì 3 maggio 2017

TIRITERA - popolare -

Trituppiti... pani 'rattatu
vosi 'a jatta ppi mugghieri
un jattazzu ppi cugnatu
mi ci scupa 'u chianu darreri
un canuzzu ppi cumpari
ppi vardarici 'u purticatu
ppi criata na jaddina
mi ci lava scala e cucina
(popolare)

Tirituppete... pan grattato
volle prendere in moglie la gatta
un gattaccio per cognato
che gli scopi lo spiazzo di dietro,
per compare un cagnolino
che gli guardi il portoncino,
per servetta una gallina
che gli lavi scala e cucina.
(popolare)

SICILIANANDO - armando carruba -


SICILIANANDO

La furmicula sarva lu frumentu
e la cicala si lu mancia

La formica accantona il frumento
e la cicala lo divora

lunedì 1 maggio 2017

1 MAGGIO



Buongiorno oggi 1 maggio! La festa del lavoro! e difatti se un giovane trova lavoro è proprio una festa e che festa!!! Polemiche a parte, tantu è tempu persu, oggi 1 maggio ! Ricordo alla fine degli anni '50 a Siracusa si organizzavano cortei ben distinti con la CISL che sfilava per 'u rettifilu con avanti un camion con sopra un gran mappamondo che girava e con la scritta CISL e bandiere e il tutto si concludeva a piazza Archimede con il comizio dell'onorevole di turno DC invitato dal sindacato a fare il punto della situazione così come la CGIL che raccoglieva tutti i lavoratori della campagna che la mattina presto si trovavano a puzzu 'ngignieri aspettando un cenno che li facesse lavorare. E piazza Archimede vugghieva di lavoratori che credevano alle promesse e che si spellavano le mani a batterle. I lavoratori di puzzu 'ngigneri col vestito dda' duminica con quei colletti della camicia tenuti fermi da stuzzicadenti infilati sotto il colletto ai pizzi in appositi fori. 
Il primo maggio ricorda la strage di Portella della Ginestra "Allu chianu di Purtedda chiusa in mezzu a ddu muntagni..." 
Il pimo maggio era festa su ogni soglia di casa per via della cunzata delle margherite gialle!
Il primo maggio era anche un'occasione per una sana scampagnata e perchè no? un festa 'i ballo all'aperto
W IL PRIMO MAGGIO !

BUON 1 MAGGIO - Armando Carruba -

BUON 1 MAGGIO - San Ciseppi falignami
"Maju" dal greco "maios", da "maia" madre, nutrice, dedicato a Maia, dea della fecondità e del risveglio della natura, a cui i romani, in occasione della sua festa, che cadeva il primo del mese, offrivano sacrifici, era detto "Majus mensis", mese di maggio. Anticamente terzo mese dell'anno, ne divenne poi il quinto con la riforma giuliana.
ANTICA USANZA SUPR'E' MAJ
'Na vota, si mittièvunu
maj 'ntè sacchetti e 'ntè porti
ppi ciamari rinari e bona sorti
Difatti - Maj viru e maj cuogghiu,
'a ma casa vai nun vuogghiu;
mai cuogghiu a la campìa
oru e argentu 'n tasca mia

domenica 30 aprile 2017

ACCUSSI' E' di Armando Carruba

ACCUSSI' E' (?)
ppi ridiri
'Nu duttureddu visitannu Rosa,
s'addunò subbitu ca c'era cosa
e o' maritu ca era di latu
dissi chianu chianu e mutu mutu:
-"So' mogghi è 'n statu 'nteressanti!
ci fazzu i mei rallegramenti!"
-"Ma chi mi sta dicennu caru dutturi?
attentu haju statu, comu succedi?"
Lu dutturi si truvò scuncintratu
e ci dissi ricugghiennu 'u ciatu:
- "E' comu 'u traficu cittadinu,
nun fai 'ncidenti ma un cretinu


si metti 'ntò mezzo a circulari,
senza pigghiari mai precauzioni
e veni a sapiri sull'istanti
to' mogghi è 'n statu interessanti!"

Armando Carruba

venerdì 28 aprile 2017

MALINCONIA - armando carruba -



MALINCONIA

Desiderio sfrenato
di star soli
a rivivere
un dolce passato.

Io e te... noi due
inventiamo parole
per produrre parole
che cadono vuote

lasciando in bocca
l'amaro
di una sigaretta
già fumata

Malinconia
prendimi con te
e fammi vivere
quell'esplosioni gioiose

d'una vita da sogno.

Armando Carruba

SICILIANANDO armando carruba




Quannu si ammitatu, mancia misuratu
sinnò ssì sparratu

Quando sei invitato, mangia limitato,
altrimenti sarai criticato.

mercoledì 26 aprile 2017

CI PENSI ? di Francesco Guglielmino

CI PENSI ?
*************
Ci pensi ? eramu ancora
scolari tutti e dui,
putevumu aviri 'nsemula
trent'anni o pocu chiù;
tu cu li vesti curti
lu fari cuntignusu,
iù sempri 'nta li nuvula
carusazzu scunchiusu.
Ddu jornu n'incuntrammu,
non sacciu comu fu,
iù cu li mè grammatichi
cu li tò libri tu.
Ti dissi ---e na ddu puntu
iù mi sintia la frevi
mentri ca tu di l'aria
cascata mi parevi ---
ti dissi :《 signurina,
stamu a la stissa via,
siddu non sugnu sproticu
ci fazzu compagnia ?》.
Tu addivintasti russa
chiù russa di lu focu,
ma risulenti e simplici,
forsi trimannu 'n pocu,
comu 'na madunnuzza
ca sì vidi appriata
mi rispunnisti: 《 grazii !
iù già sugnu arrivata....》.
Cussi strata facennu
ci fu qualchi parola,
sempri di così leciti,
di così di la scola;
ma iù stannuti accantu
cridia d'essiri Diu
e tu sapevi sèntiri
lu sintimenti miu.
Ma quannu troppu prestu
fummu a lu tò purtuni,
e chiù d'accumpagnariti
non àppi la scaciuni,
stringennuti la manu,
stringennutilla forti,
ti dissi: 《 oggi cu 'n principi
non canciu la me sorti ! 》.
Tu facisti di cursa
li scali di la casa
--- cunfusa avevi essiri
chiù assai ca pirsuasa ---
ed iù traballiannu
turnai pri li mè passi,
e la stratuzza scivula
mi parsi tutta massi.
Poi chi successi ? è chiaru
ca non successi nenti :
ciuri, capiddi, littri,
li così chiù 'nnuccenti,
così ca sarvu ancora
megghiu di li dinari,
e chiù di li reliquii
chiù assai li tengu cari.
Pri nui però la sorti
vutò comu 'na rota,
ma non pozzu scurdarimi
l'incontru di dda vota ;
e doppu tantu tempu
si passu pri dda via,
e pensu angustiannumi
ca tu non fusti mia,
dicu ca forsi... forsi
pri tia fu 'na furtuna,
ma iù mi sentu 'n tremulu
pri tutta la pirsuna.
Francesco Guglielmino (di Acicatena, CT)
da : Ciuri di strata

martedì 25 aprile 2017

NINNA NANNA di Rosario Rosto


Ecco una bellissima poesia pescata nel mare d'internet. . .

Un giorno ricorderò
la tua voce
Cantami ancora una volta
una dolce ninna nanna.
In silenzio l'ascoltero'
e ne farò poesia.
Danzerà il mio cuore
al suono della tua voce
e forse...
sulle sue dolci note
mi addormentero’.
Rosario Rosto

lunedì 24 aprile 2017

'U TURNISTA di Arturo Messina voce Armando Carruba

video


Il mai dimenticato prof. Arturo Messina ha dedicato, negli anni '60, una poesia in dialetto siciliano al turnista della zona industriale di Priolo.  

PALUMMI 'I MARI di Armando Carruba




PALUMMI 'I MARI
'Ntà 'stu munnu pazzu
vistutu sempri a festa
palummi 'i mari semu...
libbiri
'i vulari 'ntà celi
puliti e sunnari
dda' libertà
cche' i nostri patri
'nni desunu
pp''ssiri omini.
Armando Carruba
GABBIANI - In questo pazzo mondo/ vestito sempre a festa/ gabbiani siamo/ liberi/ di volare in cieli/ puliti e sognare/quella libertà/ che i nostri padri/ ci hanno dato/ per essere uomini.

SICILIANANDO - Armando Carruba -


L'azzaru ccu lu focu sciogghi e cula
ma l'amicizia vera mai sbracala

L'acciao con il fuoco fa la colata
ma la vera amicizia mai si scioglie.

domenica 23 aprile 2017

ULTIMO EDEN di Giovanni Torchevia

video

                                           Voce di Giovanni Torchevia

Biografia da www.casteldilucio.eu


Giovanni Torchevia, è nato a Castel di Lucio 27 luglio 1930, e ha vissuto e operato a Siracusa. Rimasto orfano di entrambi I genitori in tenerissima età, fu affidato alle cure della sorella maggiore, maestra elementare. Dai 10 ai 17 anni compì gli studi presso istituti di previdenza per gli orfani dei postelegrafonici, nelle sedi di Pisa, Pesaro e Roma, prediligendo gli studi classici e le materie umanistiche, studi che lo fecero appassionare alla poesia. Una crisi di sconforto e lo spirito di avventura, gli fecero intraprendere, a 17 anni, la carriera nella Marina Militare. Navigando in tutti i mari del mondo, per circa 15 anni ha avuto modo di arricchire il suo carattere e la propria personalità di preziose esperienze di vita e di rapporti umani, che gli hanno insegnato ad usare rispetto e amore per l'ambiente e la natura, i valori imprescindibili dell'amicizia, la comprensione e la tolleranza. Lasciata la carriera militare, dal 1968 si è stabilito a Siracusa, dove ha svolto le proprie funzioni presso un ufficio finanziario. Le sue prime poesie, in rima alternate, risalgono agli anni della sua giovinezza e delle sue lunghe navigazioni. Negli ultimi anni si è dedicato alla poesia moderna, facendosi apprezzare per la genuinità e la semplicità delle proprie creature che trattano, preferibilmente, l'amore, i problemi sociali, l'ecologia, e vengono facilmente recepite, per la loro immediatezza, anche dalla gente di umile estrazione. Per saggiare il giudizio della critica, ha partecipato a numerosi concorsi nazionali di poesia e narrativa riscuotendo lusinghieri consensi tra i quali, nel 1987, il "Premio del Presidente" nella rassegna "Trofeo Regioni d'Italia" indetto dal centro studi C. Capodieci di Roma, il premio internazionale "La Musa della Poesia 90" dell'Accademia Culturale ed Arte l. Rocca di Giarre e il premio internazionale "Andalusia-Malaga 91" Le sue poesie FAME, UN ANGELO IN ESILIO, AMORE è PARADISO e Marzo sono state inseritre nel II volume dell'antologia "La poesia nel cassetto", ediz. 1987 Poligrafica Romana, relatore On. Giulio Andreotti; Riflettere sulle cose di ogni giorno, sui minimi episodi che motivano la nostra esistenza, è compito esclusivo del poeta, umile osservatore e trascrittore della vita. Nel caso di Giovanni Torchevia, non si tratta di una moda imposta dalle circostanze, ma di un'esigenza personale che proviene dall'infanzia, da quando, girandosi attorno, si accorgeva che al tramonto il sole ha un colore che è diverso dal momento in cui sorge, che gli odori della primavera rendono più soave quell'aria che in altra stagione sa di smog e opprime l'animo più sensibile. E' sul costante riflettere su ciò che tanti definiscono a volte il "superficiale" che nasce la poesia di Torchevia, uomo dall'animo di bimbo, adulto già proiettato nella tematica d un futuro che si sposa con l'infinito, con l'eterno, con il sublime desiderio di toccare la grande Luce. di Dio. Creare versi è indispensabile, per lui, più dello stesso respirare. E chi lo conosce sa che quanto gli parla, non guarda i suoi occhi, ma gli scruta dentro, per conoscergli l'intimo e capire se è il caso di porgergli il cuore o lasciarlo educatamente parlare, ma senza quell'attenzione che crede di meritare. Giovanni Torchevia non è stato il solito poeta, ma soprattutto un puro. Ecco perchè la sua poesia riesce a dare una vera commozione e fa vibrare l'io: perchè ha saputo toccare quella preziosa molla nascosta dentro il più profondo dei nostri sentimenti che si chiama emozione.

CHI TI CUNTU E CHI TI DICU . . . . .

Amici carissimi, che cosa non vi debbo raccontare!!! Ieri sera c'era la partita FIORENTINA INTER alle 20,45 ed nella solitudine del mio studiolo già pregustavo lo spettacolo. Alle 16, non si sa mai avevo telefonato in PIZZERIA "servizio rapido e veloce invidia crepa!|" ma il cellulare era stutato, ci ho riprovato ogni mezz'ora, sinu a quannu alle 18.00 in punto senza levarci o metterci un minuto mi arrispunnunu!!! 


- Pronto, pronto volessi ordinare delle pizze!| ...
- Scuse e lei a st'ora le vuole ordinare? 
- Scusasse ho chiamato alle 16, 16 e mezza 17 etc e non mi avete rispunnuto!
- OK ordinasse
- 4 capricciose ca di capricci ne devono avere che mi devono scapricciare, patatine a tinchité, cola coca, pizzioli arancine... massimo mi raccomando alle 20 e mezza che alle 20 e quarantacinque c'è la partita!
- Senta signor 4 capricciose con capriccio, gliele posso fare avere alle 21,30
- Minchiocchete quannu finisce la partita che piacere c'è???
- E lei perchè telefonò a quest'ora?
- Va bene facciamo alle 19 m'accontento
- Nonsignora! al limite massimo, sulo perchè è lei (cu aaazzz u canusci?) facemo alle 21,15
- e va bene facisse lei  

E fu così, ca senza mangiari, accuminciò la partita! Tita cca' e tira dda' la Fiorentina segna na bedda bistecca fiorentina! 1 - 0 per i gigliati e palla 'o centro! Gli interisti di Pioli non stavano sui pioli e curri ddi cca' e curri ddi dda'... mancu iddi lo sapranno mai fanno un goal !!! tutti felici cuntenti si abbrazzano e manco mettono la palla al centro che fanno un altro goal ... e docu iettono voci gridando GOALS GOALS GOALS (perchè i goals sono due) quindi finisce il primo tempo con il risultato di Fiorentina 1 Inter  2.
Finisce il primo tempo con questo risultato e arrivano i PIZZE (ve l'avevate dimenticate eh? io no!) Mi è sembrato brutto per la famiglia prendere il cartone con la pizza patatine etc e andarmela a mangiare nello studiolo per assistere all'inizio del  secondo tempo, e m'assittai a tavola cunzata!
Quando ho finito di mangiari, col pensiero alla partita.... ritorno.... e che cosa vedono gli occhi miei??? il risultato parziale FIORENTINA 4 INTER 2 Minchiocchete in tempu nenti 3 goals??? BASTARDIIII ... Com'è finita la partita lo sapete 5 - 4 per la Fiorentina ed io sono rimasto impicato sprofondato nella poltrona. A stu puntu appare la faccia dell'allenatore dei viola... violaceo 'ntà faccia come se avesse perso lui la partita, diceva che aveva la febbre (ed invece pare che aveva avutu chiacchiri cca società) ma di Pioli nenti si vidi ca sa fici violi violi certu a faccia nun ci lu purtava.
Ma chisti nun sunu Moratti che oliova col petrolio... chisti Cinisi su e docu tanti acchitti e tanti buttuna... povera Inter mi sa mi sa ca quannu ci sunu i partiti dell'Inter mi fazzu quattru passi i caminata....

Ohu fridersenne !

giovedì 20 aprile 2017

GEOGRAFIA di Giuseppina Calabrò - voce Oreste Reale

video
Carissimi amici, ho estrapolato una traccia dal programma radiofonico siracusano "I nostri poeti" che andava in onda su Siracusa Sound, la seconda emittente nata in città che non prendeva tutto il raggio d'azione aretuseo, ma che aveva dei programmi validi e culturali.
Riascoltare oggi queste registrazioni, suscitano emozioni anche perchè si era inesperti. Nel corso di questa puntata, il mai dimenticato Oreste Reale, recitò alcune poesie di studenti di Scuola Media del Bosco Minniti partecipanti ad un concorso. Son trascorsi 41 anni .... Come passa il tempo!

mercoledì 19 aprile 2017

QUEL TRENINO DEI RICORDI di Mimmo Rinaldo



E' la volta di un altro grande attore dialettale siracusano mai dimenticato: MIMMO RINALDO che con il suo racconto ci farà rivivere quel trenino della SIRACUSA - RAGUSA - VIZZINI. 
La registrazione audio è del 1980 Mimmo Rinaldo ci ha lasciati nel 1982.

martedì 18 aprile 2017

SARAUSA di Neli Seguino

video

Altra poesia, questa volta in dialetto siracusano, di Neli Seguino. Si tratta di un pezzo di registrazione di un programma radiofonico del 1978 nel corso del quale Neli Seguino per circa due ore declamò molte poesie tra cui ER FATTACCIO di Giuliani, LA LIVELLA di Totò e anche il COMBATTIMENTO DI ORLANDO E RINALDO del Martoglio, nonchè le sue. Questo video artigianale vuol essere, da parte mia, un omaggio a chi con tanto amore ha dedicato la vita al teatro e alla poesia.  

LA FAVA ROMANESCA di Neli Seguino

video

                             Altra poesia di Neli Seguino, questa volta in dialetto romanesco.

lunedì 17 aprile 2017

CIUMI DI FOCU di Neli Seguino

video

Desidero presentare ai miei quattro lettori, Neli Seguino, un bravo attore siracusano scomparso una ventina d'anni fa. Il poeta scompare ... le sue poesie NO! Anche questa breve breve... suscita emozioni. Viveva a Roma e quando veniva in vacanza nella sua Siracusa era una festa e non si stancava mai, benchè ultra ottantenne, di recitare una appresso all'altra le sue poesie e di altri.
 Buon ascolto!

PASQUETTA SARAUSANA


Carissimi amici, buona Pasquetta a tutti! Eh sì nun è cchiù il tempo di una volta quando la Pasquetta si passava a Testa Re! pardon oggi Balza Akradina. E' desolante passarci con la macchina e vedere tutto vuoto ... deserto... Na vota cavalli, carretti e tutta Siracusa era lì alla balza akradina! partite di pallone, jucati 'e carti, i fimmineddi con gioco dei cerchietti... C'era sempre una fisarmocina una chitarra o si ballava al suono del moderno "mangiadischi". A mezzogiorno la balza akradina era un colpo d'occhio! Una tavola apparecchiata sull'erba con tante tovaglie multicolori e nel pomeriggio a muta muta una famiglia dopo l'altra rientrava a casa... W LA PASQUETTA

sabato 15 aprile 2017

Buona Pasqua


A tutti gli amici, lettori di questo modesto blog, i miei migliori auguri di Buona Pasqua!

                             Armando

SICILIANANDO - Armando Carruba -


Cu' nesci sicaretti ad una ad una,
è signu ca nun ni voli e mancu duna.

Chi estrae sigarette ad una ad una,
è segno che non offre e neanche accetta

venerdì 14 aprile 2017

VENERDI' SANTO - Canti della tradizione popolare di Milena -

video


Alcuni frammenti dei canti tradizionali di Milena (CL) per il venerdì Santo. 
Dicitore - Armando Carruba
sottofondo - I lamentatori giovani di Milena

giovedì 13 aprile 2017

'A VIA DULURUSA


Versi tratti da:

I CANTI DELLA TRADIZIONE POPOLARE DI MILENA 
di Arturo Petix

LA VIA DULURUSA
di Suor Teresa Fichera

dicitore: Armando Carruba

Sottofondo: Lamentatori giovani di Milena

mercoledì 12 aprile 2017

COLPO DI SOLE di Michele Colonna

video

COLPO DI SOLE

Comare mia
ieri che ragazza ho visto
affacciata al balcone di fronte.
Mi sono alzato prima del sole apposta
per andare a cogliere il meglio
dell'uva che ho nella vigna.
Comare mia,
datemi aiuto:
prendetevi questa cesta
e quest'altra portatela a lei.
Ahi nessuna mai
mi ha fatto tanto girare la testa.
Niente,
era il colpo di sole che presi
al mandorleto nel mese di Agosto.

Michele Colonna

MARIA PASSA - popolare -

video
MARIA PASSA

Maria passa di 'na strata nova
la porta di un firraru aperta era
- O caru mastru, chi faciti a st'ura
- Fazzu 'na lancia e tri puncenti chiova
- O caru mastru, nun li fati a st'ura
ca di nuovu ti pagu la maistrìa!
- O cara donna, nun lu puozzu fari
unni c'é Cristu ci mintinu a mia!
- O caru mastru, mi lu vo 'mparari
unni è l'amatu figliu di Maria
- O cara donna, si la vo truvari
lu stissu sangu ti 'nzigna la via!

popolare

MARIA PASSAVA

Maria passava da una strada nuova
la porta di un fabbro era aperta
- Oh maestro che fate a quest'ora?
- Faccio una lancia e tre chiodi pungenti
- Oh caro maestro non li fate a quest'ora
lo stesso vi pago il lavoro
- Oh cara donna non lo posso fare
dove c'è Cristu mettono me
- Oh caro maestro me lo dite
dov'è l'amato figlio di Maria
- Oj cara donna, se lo vuoi trovare
lo stesso sangue t'indicherà la via.

popolare  

DIDICATU A ME PATRI di Maria Agrippina Amantia

DIDICATA A ME PATRI
Era l'iniziu di l'anni cinquanta,
me patri da so vita nun si cuntenta.
Di canciari sorti sempri pensa,
di l'avvintura mancu s'inni scansa.
Sta terra di Sicilia duci e bedda
ca la travagghi ca carina e lu zappuni,
scippanu sempri spini, livannu balatuni,
nun ti duna mancu nun muccuni.
Me patri p'affruntari la so sorti,
era decisu finu alla morti.
Pinsava ca so terra nun ci dava nenti,
luntanu vulia iri a fari l'emigranti
Me nannu nun vulia ca lu figghiu s'inni iva
ca sarmi di terra assai ni pussidia
ma a me patruzzu lu zappuni c'iccò pisanti
l'abbrazzò a tutti e s'inni ivu cuntenti.
I larmi di me nanna e chiddi di me matri,
putevanu ijnchiri dda matina quattru cati,
me nannu, si nni stava dda e so lati
l'avissi pigghiatu a cauci e maniati
Me patri cu li sacchetti chini di spiranza,
a li sentimenti nun desi mpurtanza.
Co megghiu vistitu, chiddu gessatu,
acchianò supra lu trenu tuttu priatu.
Nun si girò mancu na vota a salutari,
la matri e la mugghieri c'avia lassari.
jiu nica, nica mbrazza a me mamma,
nenti capiva e nun ci dava mpurtanza.
U bellu vinni quannu a la fruntiera,
u ficiru scinniri e lu pigghiarru a sulu.
Ci ficiru l'esami di lu sangu e la dintera,
ci cuntarru puru li pila di lu culu.
Povuru patri mio, ma chi facisti?
Pinsavi tu, ca iennu dda luntanu,
di sordi t'inghivi sanu, sanu
e niscevanu di lu tascappanu.
Erutu figghiu unicu, facevi lu patruni,
e t'arridducisti a scavari carbuni.
Avevi la to casa, avevi a to famigghia,
a canciasti sulu, pi nun pugnu di canigghia.
Ti purtasti a me matri , lassasti ca a to figghia,
criscivu senza matri e senza a na famigghia.
Svinnisti li to terri, t'inni isti in continenti,
livasti puri li radichi e nun ristò cchiù nenti.
Muristi, patri miu, e mi facisti pena
pi tutta la to vita assicutasti dda vena.
La ranni eredità ca mi lassasti a mia,
assumigghiai a tia, sacciu scriviri puisia.
maria agrippina 

VIVA LA VITA di Maria Agrippina Amantia

video
E' la volta della super premiata poetessa Maria Agrippina Amantia. Ha appena postato una poesia e non ho potuto fare a meno di registrarla...

VIVA LA VITA

Ogni tanto riguardi il tuo libro vita
ci sono pagine scritte
di sofferenza,
altre di gioia, altre di pazienza.
Pagine che vorresti cancellare
errori grandi
che non avresti voluto fare.
Altre che pensavi fossero
oramai asciutte
invece ti accorgi, che l'inchiostro
é ancora fresco.
E rileggendo metti a nudo
la tua anima
scopri emozioni, risenti sofferenze
ma è solo un libro
non lasciarti ingannare
richiudilo in  fretta
non l'assaporare.
La vita va, come vuole andare
guarda al futuro
+ tutto da inventare!
Viva la vita e quel che ti può dare.

Maria Agrippina Amantia