sabato 25 febbraio 2017

AMURI, ADDIU di Salvatore Puglisi voce Armando Carruba

video

AMURI, ADDIU

Amuri, addiu. E qualchi vota pensami,
comu cercu di fari iù ccu tia.
No, non parrari. Li paroli brucianu
li labbra; sunu spini di zammàra
ca réstanu chiantati nta lu cori.
Lassàmuci accussì, comu du' amici
c'hannu ppi 'n-pezzu caminatu assemi.
Tinémuci sultantu li riliqui
lucenti di sti jorna priziusi.
La vita arriva sempri avanti a 'n-biviu:
ognunu è distinatu a la so strata.
Ora dàmmi la manu e non mi diri
nenti; non ruvinari stu mumentu.
Ma tu non cangi! Chi ci fa ssa lacrima
ca ti straluci ntra li pinnulaa?
Certu è lu fumu di la sicaretta
ca ti pizzica l'occhi e ti fa chianciri...
Ti l'haju dittu. Fumi troppu, amuri!
Si fuma troppu ppi non stari suli.
Jsa 'n-pocu lu mentu e fatti vìdiri
l'ultima vota: ormai lu tempo stringi.
Friscàu lu trenu: quasi sta ppi pàrtiri.
Addiu, amuri! E qualchi vota pensami,
comu cercu di fari iù ccu tia
nta li me' notti scunsulati e friddi.

Salvatore Puglisi  

Nessun commento: