mercoledì 22 febbraio 2017

CUI SPRANZA D'AUTRU LA PIGNATA METTI, N'HAVI PAURA DI LAVARI PIATTI ! di Cervantes (Perrotta)

video
CUI SPRANZA D'AUTRU LA PIGNATA METTI, N'HAVI PAURA DI LAVARI PIATTI

Tu ca la morti d'un parenti aspetti
pri pavari li debiti cuntratti
e fratantu a cui duni e a cui prumetti
e ti pari ca fai li cunti esatti.

Pensicci prima si a cridenza accatti
spirannu di pavariti li detti,
pirchì lu settantunu a cunti fatti
tanti voti si cancia in diciassetti!

Comu a chiddu ca joca a lu trissetti
spirannu 'ntrà lu munti; siddu ammatti,
mancu fa puntu e lu munti rimetti.

Su' pri sti tali li proverbi fatti:
"cui sprànza d'autri la pignata metti
n'havi paura di lavari piatti!"

Cervantes (Perrotta)

CHI A SPERANZA D'ALTRI LA PENTOLA METTE, NON HA PAURA DI LAVARI PIATTI - Tu che la morte di un parente aspetti per pagare i debiti contratti, e frattanto a chi dài e a chi prometti, e ti pare che fai i conti esatti, pensaci dunque che debiti hai fatti sperando di pagare le sommette, perchè il settantuno a conti fatti tante volte si cambia in diciassette. Come colui che giuoca al tressette spera nel monte e poi, di fatti, manco fa il punto ed il monte rimette. Son per costoro i proverbi fatti: "Chi a speranza d'altri la pentola mette, non ha paura di lavare piatti".

Nessun commento: