sabato 18 marzo 2017

LA PECURA, LU LUPU, E L'URSU di Giuseppe Marraffino

video

LA PECURA, LU LUPU, E L'URSU

D'appressu d'idda na Pecura avìa
un agniduzzu; e un Lupu: unni l'asciasti?
latra, cci dissi allura, ah lu rubbasti,
figghiu nun t'è, nun assumigghia a tia.
La Pecura ciancennu cci dicia:
mi è figghiu, e lu sa ogn'unu; la sgarrasti,
cci rispunnia lu Lupu, e a sti cuntrasti
dissi un Ursu, chi fu? sia dittu a mia!
Un agneddu sta Pecura rubbau,
(gridau lu Lupu), e l'Ursu d'ira accisu,
Mariola, rispusi, e la sbranau .
Ti vogghiu diri si non l'hai cumprisu:
Ca 'ntà 'stu munnu l'onestà squagghiau;
lu latru é boia, e lu rubbatu è 'mpisu.

Giuseppe Marraffino

LA PECORA IL LUPO E L'ORSO - Una pecora andava per la via con l'agnellino. E un lupo: "Dove lo trovasti? ladra" l'interloquì "tu la rubasti, non si può credere che figlio ti sia". E la pecora con malinconia: "Mi è figlio, lo san tutti". "La sbagliasti!" confermò il lupo. A tal contrasti, un orso chiese: "Che fu? Detto mi sia!" "L'agnello questa pecora rubò!" gridò il lupo. E l'orso, d'ira acceso: "Mariola!" eslama, e la sbranò. Ti voglio dire, se non l'hai compreso, che in questo mondo l'onestà passò: il ladro è boia, il rubato è appeso.

Nessun commento: