domenica 19 marzo 2017

LU CANI E LU PASTURI di Giuseppe Marraffino

video


LU CANI E LU PASTURI

Un cani vitti supra na buffetta
un gran pezzu di carni, e dissi allura:
Panza mia fatti saccu, sarrai dura
sta notti, quannu agn'unu s'arrizzetta.
Pacenza fami, non avemu fretta.
Ddà carni sarà mia tutta addirittura,
iu mi la mancirò ma quannu scura.
S'ammuccia intantu, e ddà la notti aspetta.
Ma lu patruni prima di scurari
lu vitti, ed avìa corpa senza fini
si prestu prestu non sapia scappari.
Amicu cci ssu cani malantrini,
s'hai bona carni, sappila guardari
la casa granni inchila di spini

Giuseppe Marraffino

IL CANE E IL PADRONE - Un cane vide sopra uno stipetto un gran pezzo di carne, e: "Sta' sicura, pancia mia fatti sacco, sarai piena stanotte, quando ognuno ha ricetto" disse. "Pazienza, non abbiamo fretta, la carne sarà mia sine cura e me la mangerò, ma quando scura". Poi si nasconde, e lì la notte aspetta. Ma il padrone innanzi il tramontare lo vide; e avrebbe avuto colpi senza fine se non sapeva correre e scappare. Amico, ci sono cani malandrini; se carne hai, sappila guardare: la casa grande colmala di spine.

Nessun commento: