lunedì 6 marzo 2017

LU CAVADDU di Giuseppe Marraffino

video

LU CAVADDU

C'era un cavaddu di beddi fattizzi
baiu di pilatura, e avia un gran passu,
era l'invidia pri li soi biddizzi,
e quann'iddu niscia facìa fracassu.
Lu so patruni ci facia carizzi,
lu vulia beni, e l'avia fattu grassu
ma 'ntra lu megghiu di li valintizzi
nna coscia si spizzau 'ntra un malu passu. 
D'iddu ogni musca si 'mpussessa allura,
ogni sceccu chiù vili lu rimpetta,
ricivi cauci, e muzzicuni ogn'ura
cu lu stimava, la sò morti aspetta.
O quantu ddu proverbiu m'innamura:
All'arvulu cadutu, accetta, accetta.

Giuseppe Marraffino

IL CAVALLO - C'era un cavallo di belle fattezze, baio di pelatura e di gran passo; era invidiato per le sue bellezze e quando usciva faceva fracasso. Il suo padrone gli dava carezze, caro l'aveva e lo teneva grasso; ma nel bel mezzo delle sue prodezze la coscia si spezzò saltando un passo. D'esso ogni mosca s'impossessa allora e il più vil somaro gli s'impetta, riceve calci e morsi in ogni ora. Chi lo stimava la sua morte aspetta. Oh quanto vale quel proverbio ancora: "Ad albero caduto, accetta, accetta!"

Nessun commento: