martedì 14 marzo 2017

LU SCECCU E LU VIDDANU di Giuseppe Marraffino

video

                                       LU SCECCU E LU VIDDANU di Giuseppe Marraffino
                                                        dicitore: Armando Carruba  

LU SCECCU E LU VIDDANU

Un sceccu 'ntra la schina
purtava cu gran stentu
visazzi di farina
visazzi di frumentu.
Ed avìa pri chiù guai
manciari picca, e vastunati assai.
Frattantu l'asineddu
suffrìa cu gran pacienza
li corpa l'armaleddu.
E di la sua prudenza
fidatu lu viddanu,
ci aggravava lu carricu, e li manu.
E pri chiù pena ria
li larghi soi custani
speranza nun avìa
di vidiri chiù sani,
e già lu sfurtunatu
era peddi, e l'ossa addivintatu.
Facìa di jornu e notti
sta vita lu mischinu;
ma un jornu cchiù nun potti,
e di curaggiu chinu
spincìu la testa, e forti
spiritu, dissi, o libertati o morti.
Spizzau la sua cuddana,
e 'mmenzu di lu chianu
di cauci 'na duzzana
cci desi a lu viddanu,
e cci nni desi dui
a parti ca campari 'un potti chìui.
Non sempri, o prepotenti,
d'avanti ti vidrai
pinari lu pizzenti.
Si barbaru sarai,
tirannu, ed inumanu
peju ti finirà di lu viddanu.

Giuseppe Maraffino

L'ASINO E IL VILLANO

Un somaro sulla schiena portava con gran stento bisacce di farina, bisacce di frumento, e aveva per più guai mangiare poco e bastonate assai. Frattanto l'asinello soffriva duri colpi, poverello. E nella sua prudenza confidando, quel villano lo gravava di carico e di mano. E per più pena ria le piaghe disumane speranza più non c'era di rivederle sane; pertanto, il disgraziato, era la pelle e l'ossa diventato. Faceva giorno e notte tal vita, quel meschino; ma un giorno quelle botte non sopportò: ferino spinse la testa e forte gridò da malandrino: "O libertà o morte!" Spezzò il collarone e lì, in mezzo al piano, il forte suo calcione diresse sul villano; e a calci su e giù lo stese a terra e non si mosse più. Non sempre, o prepotente, davanti a te vedrai mendìco il pezzente. Se barbaro sarai, tiranno e disumano; peggio finirà di quel villano.

Nessun commento: