martedì 7 marzo 2017

LA VECCHIA E LU PULICI di Domenico Tempio

video
                   LA VECCHIA E LU PULICI di Domenico Tempio - Voce Armando Carruba

L'assolviri dilitti a malviventi
nun é prudenza, e lu prova
l'esempiu di sta Vecchia vi sia in menti.


LA VECCHIA E LU PULICI

Avìa sutta li faudi
un pulici accarpatu, e lu purtava
di lu cummissu esizziu
a daricci supplizziu. Ma lu pulici
vidennusi 'ntrà l'ugna
summissu la prigava:
"Bona vecchia pietà: lu fattu é fattu;
ju ti giuru, e prumettu
nun muzzicarti cchiù; vogghiu campari,
lassannu sta spietata
vogghia di sancu, in vita ritirata".
Ma la giudiziusa 
vecchia rispusi allura:
Ti lassu in vita? Cerca di scattari;
si nun muzzichi, tu nun poi campari.
E dannuci 'ntrà l'ugna un corpu in chinu
sgravau li faudi di stu malandrinu.

Domenica Tempio

LA VECCHIA E LA PULCE - Avea sotto la veste una pulce acchiappata e s'apprestava a darle gran supplizio, la vecchia ch'era stata importunata. La la pulce, vedendosi afferrata, somme ssa la pregava: " Buona vecchia, pietà: il fatto è fatto, ma ti giuro e ti prometto non morsicarti più. Voglio campare, lasciando questa voglia di sangue disperata, in vita ritirata". Ma l'assennata vecchia allor rispose: "Ti lascio in vita? Cerca di crepare! Se non morsichi, tu non puoi campare". E, dandole con l'unghia un colpo in pieno, le fece uscir le viscere dal seno.

Nessun commento: